IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lo scienziato savonese Marco Rolandi premiato a Washington dall’Issnaf foto

Il suo paper che gli ha consentito di essere scelto dalla direzione s'intitola “A painless micronedle skin test for tuberculosis”

Savona. Figura anche Marco Rolandi di Savona tra i sei vincitori premiati da Issnaf nel corso della cerimonia che si è tenuta all’Ambasciata d’Italia a Washington. Si tratta di un’iniziativa che premia gli scienziati italiani negli Stati Uniti, giovani ricercatori e professori, che lavorano nelle Università e nei centri di ricerca degli Stati Uniti.

In particolare il premio “Franco Strazzabosco Award for Young Engineers” è stato vinto da Marco Rolandi dell’ Associate Professor alla University of Washington. Il suo paper si intitola “A painless micronedle skin test for tuberculosis”.

I sei vincitori dei premi ISSNAF (Italian Scientists and Scholars of North America Foundation) sono stati svelati durante l’evento annuale che la fondazione ha celebrato sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio di Universities for Expo – Comitato scientifico della città di Milano.

I temi delle loro ricerche, giudicate le più innovative dal Board od Trustees di ISSNAF che le ha selezionate, vanno dal ruolo della proteina CXCR4 nello sviluppo del mieloma, alla mappatura dello spazio con i Raggi-X, fino ai modelli per l’analisi dei Big Data.

Il premio consiste in una Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Italiana, un viaggio e un riconoscimento in denaro. Premi che vanno a sommarsi alla cifra, superiore al milione dollari, stanziata nel 2014 da ISSNAF per le borse di studio e le partnership con organizzazioni come Agenzia Spaziale Italiana, Fondazione Marche, Consiglio Nazionale Ingegneri.

Sei talenti e innovatori della diaspora italiana in Nord America (i premi assegnati sono cinque, di cui uno ex aequo a due studiosi), che provengono da diverse regioni d’Italia: Aldo Roccaro (di Andria), Daniele Tonina (di Trento), Eugenio Bottacini (di Merano, Bolzano), Giuliano Scarcelli (di Bari), Gesualdo Scutari (di Francavilla in Sinni, Potenza), Marco Rolandi (di Savona).

A consegnare i premi è stato l’Ambasciatore d’Italia a Washington Claudio Bisogniero e il presidente della fondazione ISSNAF Vito M. Campese. «Ringrazio l’Ambasciata italiana a Washington che ospita per il secondo anno consecutivo l’evento annuale di ISSNAF – commenta il presidente della fondazione, Vito M. Campese – Con questa occasione vogliamo creare un ponte che collega non solo gli Stati Uniti e il Canada con l’Italia, ma anche le generazioni vecchie e nuove dei ricercatori italiani. Lo facciamo sia con i premi, che consegneremo ad un matematico italiano dalla lunga e prestigiosa carriera negli Stati Uniti come Enrico Bombieri e ai giovani studiosi che si sono distinti per ricerche avviate in Nord America, sia invitando a parlare le eccellenze dell’industria, della scienza e dell’innovazione, sulle due sponde dell’Oceano Atlantico».

«L’Italia vanta un patrimonio straordinario di ricercatori negli Stati Uniti – afferma l’Ambasciatore d’Italia Claudio Bisogniero – che contribuiscono con le loro ricerche e il loro talento a consolidare l’immagine del nostro paese negli USA e a creare solidi legami di cooperazione tra le due comunità scientifiche. ISSNAF, grazie ad un impegno costante sul terreno e anche all’efficace collaborazione con l’Ambasciata, valorizza con autorevolezza questa dimensione di assoluto rilievo dei rapporti tra Italia e Stati Uniti».

L’Issnaf è stata fondata nel 2008 sotto gli auspici dell’Ambasciata Italiana negli Stati Uniti su iniziativa di 36 noti scienziati ed accademici, tra cui 4 Premi Nobel, ISSNAF (Italian Scientists and Scholars of North America Foundation) è un’organizzazione no-profit, la cui missione è quella di promuovere la cooperazione in ambito scientifico, accademico e tecnologico tra ricercatori e studiosi italiani che operano in Nord America ed il mondo della ricerca in Italia.

Con un network di oltre 4.000 affiliati, che annovera illustri scienziati e giovani ricercatori, ISSNAF è il maggiore rappresentante della diaspora intellettuale italiana in Nord America e un ponte che collega le due rive dell’Atlantico, per consentire la condivisione e la diffusione di un’inestimabile patrimonio conoscitivo.

Nella sua attività, ISSNAF collabora con altre organizzazioni e fondazioni (Agenzia Spaziale Italiana, Fondazione Marche, Consiglio Nazionale Ingegneri), istituzioni ed enti governativi, tra cui il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Ministero della Salute e quello degli Affari Esteri, l’Ambasciata Italiana, la rete Consolare e degli Istituti Italiani di Cultura negli Stati Uniti e in Canada.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.