IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liguria, gli anziani sempre più vittime di reati: Savona al secondo posto tra le province liguri

Nella nostra regione si contano 613 illeciti tra furti, rapine e truffe a danno degli anziani ogni 100 mila abitanti.

Liguria. Triste podio per la Liguria: la nostra regione sale sul terzo gradino per incidenza di vittime di furti, truffe e rapine: 613 anziani ogni 100 mila abitanti. Secondo gli ultimi dati Istat diffusi dall’Ufficio Studi Confartigianato, il reato più diffuso a danno degli over 66 è il furto: in valore assoluto parliamo di 9.224 vittime nel 2014 (per un’incidenza di 579 vittime ogni 100 mila, dato che pone la Liguria al secondo posto in Italia). Seguono truffa (407 reati) e rapina (120), per un totale di 9.751 vittime nel 2014: il 73,3 per cento del totale dei crimini a danno degli anziani in Liguria è costituito proprio da questi tre reati.

Over 66 più colpiti in Emilia Romagna, che primeggia con un’incidenza di 642 vittime su 100 mila, e in Piemonte (616). Agli ultimi posti Basilicata (144), Sardegna e Molise (entrambe a 200 vittime ogni 100 mila abitanti).

Rispetto al 2013 la quota di illeciti è aumentata dell’8,3 per cento in Liguria (sesta maggior crescita del Paese), a fronte di una media nazionale del 7,4 per cento: a pesare maggiormente è ancora una volta il furto, le cui vittime sono aumentate in un anno del 9,6 per cento (quarta maggior crescita in Italia). In forte calo invece rapine (-21,1 per cento) e truffe (-6,4 per cento).

In Liguria l’abbassamento della “difesa naturale” deriva soprattutto dall’elevata presenza di nuclei familiari composti da soli anziani: sono il 29,5 per cento sul totale, valore che fa primeggiare la nostra regione su tutte le altre.

anziani

Il fatto che la nostra regione sia prima in Italia per numero di persone over 66 incide sulla dinamica dei reati a danno degli anziani, ma non è l’unico dato da evidenziare – commenta Silvia Sirito, presidente Anap Confartigianato Liguria – purtroppo molte persone sono diffidenti e si rifiutano di ricevere un aiuto, un supporto o anche solo un consiglio per sapere come meglio difendersi da questi reati. Ma la sicurezza in noi stessi non basta e i dati lo dimostrano. Per questo stiamo cercando di incrementare l’attività di sensibilizzazione nei principali punti di incontro degli over 66, come i circoli, ma anche gli studi medici o i pronto soccorso”.

Guardando alle province, Genova è al primo posto con 5.444 illeciti a danno degli anziani (+7,7 per cento sul 2013): 5.148 furti (+8,5 per cento), 232 truffe (+1,3 per cento) e 64 rapine (-24,7 per cento) e rappresentano il 71,7 per cento del totale dei reati contro gli over 66 nella provincia (7.591). Segue Savona, dove si contano 1.907 crimini (+13,4 per cento): 1.787 furti (+15,3 per cento), 93 truffe (-12,3 per cento) e 27 rapine (+8 per cento). Sono il 76,1 per cento sui 2.507 reati totali in provincia. A Imperia le denunce sono state 1.223 (+4 per cento): anche in questo caso si tratta, per la maggior parte, di furti (1.148, +5,4 per cento), seguiti da truffe (52, -14,8 per cento) e rapine (23, -11,5 per cento). Rappresentano il 71,6 per cento degli illeciti totali a danno degli anziani (1.708). Chiude La Spezia con 1.177 crimini (+7,9 per cento) tra furti (1.141, +10,1 per cento), truffe (30, -23,1 per cento) e rapine (6, -62,5 per cento). Si tratta del 79,1 per cento dei reati totali contro questa fetta di cittadinanza (1.488), percentuale che pone la provincia al 26^ posto d’Italia.

“Siamo convinti – conclude Sirito – che il vicepresidente della Regione Liguria Sonia Viale, neo assessore alle politiche sociali, saprà cogliere il nostro grido di allarme e attuare le necessarie azioni di coordinamento tra i soggetti che possono aiutare gli anziani a difendersi meglio da potenziali reati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.