IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il segretario Ravera (Prc) contro l’assessore Viale: “No alla legalizzazione del Far West” foto

Liguria. “Il tema del “governo della paura” è uno dei più cari ad una destra sempre più aggressiva e retrograda. La proposta della vie Presidente della Regione Sonia Viale di Patrocinio Legale per agli indagati per legittima difesa è una proposta folle e pericolosa: prescindendo dalle norme del diritto e dalle leggi attualmente vigenti, avanza l’idea di finanziare con i soldi pubblici la difesa in giudizio di coloro che “si sono fatti giustizia da soli” contro ladri e malviventi entrati in una proprietà privata”. Così il segretario regionale di Rifondazione Comunista si unisce al coro di proteste contro la delibera avanzata dalla giunta Toti.

“Ed ecco a voi la prima legalizzazione del Far West all’italiana tanto caldeggiato da Matteo Salvini! Dopo la linea di scempio delle bellezze naturali e di edificazione nei parchi liguri attraverso il nuovo piano casa, la giunta Toti si appresta a fare scempio del normale comportamento giuridico che deve trovare seguito ogni volta che si commette un reato” aggiunge il segretario Ravera.

“L’eccesso di legittima difesa è un reato proprio perché va oltre la semplice e giusta “legittima difesa” contemplata dal nostro ordinamento giuridico. Chi nel pieno della notte si arma di una pistola e decide di difendere la propria casa sparando “a prescindere”, diventa a sua volta un elemento di pericolo e non solamente per i ladri che scavalcano cancelli e girovagano per giardini di ville e condomini”.

La sollecitudine con cui la giunta Toti vuole farsi protettrice dei giustizieri della notte, è un altro pagamento di pegno per l’appoggio pieno avuto dalla Lega Nord in campagna elettorale. Il tutto, ovviamente, con i soldi dei contribuenti, non certo con quelli di Salvini, Viale e Toti. Le leggi che la Lega vorrebbe introdurre in Italia, producono negli USA oltre 10.000 morti all’anno. La diffusione delle armi, lungi dall’aumentare la sicurezza delle persone, aumenta solo il numero di morti innocenti e i profitti dei padroni delle fabbriche”.

“Invece che fare proposte shock per racimolare voti l’assessore Viale si preoccupi della legalità nei luoghi di lavoro” conclude Ravera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.