IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il papà di Rinaldo dall’ospedale: “Perché mio figlio non mi chiama?” fotogallery video

Il ferroviere in pensione aveva perso la moglie solo qualche anno fa ed è molto malato

Savona. “Perché Rinaldo non mi ha ancora chiamato? Che cosa è successo?”. Così al telefono Renato Costa, ricoverato all’ospedale San Paolo di Savona, ha raccontato alla compagna Sheila. Ma quella telefonata per ora non può arrivare: il figlio cinquantaduenne è stato arrestato dopo aver organizzato il piano diabolico per ucciderlo, assoldando l’amico Andrea Invincibile come killer.

Questo il drammatico racconto dell’anziano. “Ieri mattina siamo usciti io e la mia compagna. Siamo andati a fare colazione e mio figlio ci ha raggiunti. Poi la mia compagna si è allontanata per andare a fare la spesa. Mi hanno accompagnato fino al portone di casa. Lui mi ha salutato baciandomi e se n’é andato. Erano più o meno le 11-11,30 quando sono tornato in casa perché avevo da sbrigare alcune faccende. Dovevo spostare della roba da portare in garage. Poi, all’improvviso, ho sentito il televisore in camera che era accesso. Quando sono entrato c’era un uomo vestito di nero. Forse aveva una pistola elettrica, ma non lo posso giurare. Mi sono avventato contro gridandogli “brutto bastardo”. Poi non so se con la pistola o con un calcio mi ha colpito e sono caduto tra il letto e il comodino. Sono rimasto a terra. Lui ha preso il cuscino ed ha cercato di asfissiarmi con un cuscino. Ho reagito. Sono riuscito a strappargli la collanina e tutto quello che aveva addosso. Poi mi sono messo a urlare…”

I medici hanno sottoposto l’80enne a diversi esami radiografici: ha tre costole rotte, ma a preoccuparli è il fatto che la vittima della feroce aggressione di corso Ricci è cardiopatica. “Per ben tre volte è stato sottoposto ad un intervento chirurgico – ricorda la sua compagna Sheila Bhunnoo Begum – Renato non sta bene e non sa nulla di tutta questa storia ed è meglio che non sappia proprio per le sue precarie condizioni di salute”.

Al San Paolo l’anziano ferroviere era arrivato nel primo pomeriggio di ieri dopo essere stato aggredito in casa. I medici lo tengono sotto stretta osservazione. Ha bisogno di riposo assoluto. Il ferroviere in pensione aveva perso la moglie solo qualche anno fa ed è molto malato.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.