IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“I nostri figli non mangiano, cibo scarso e di pessima qualità”: protesta dei genitori alle elementari di Pietra Ligure

Lettera e raccolta firme alle elementari di Pietra Ligure: chiesto un incontro con il Comune e la ditta del servizio mensa

Pietra L. Riso incollato e pasta stracotta, carne scura, spinaci amari e pesce non proprio di prima qualità, scarsità di pane e altri alimenti. Insomma, un menù non proprio di “buon gusto”…Monta la protesta dei genitori degli alunni della scuola Primaria Papa Giovanni XXIII per il servizio mensa nell’istituto scolastico pietrese.

Il nuovo anno inizia, così, con una lettera e una raccolta firme per chiedere un servizio mensa adeguato e che rispetti gli standard di quantità e qualità richiesti. Fuori dalla scuola, all’entrata e all’uscita, mamme e papà potranno firmare la lettera. “Già il costo del servizio è aumentato rispetto allo scorso anno, ora ben 5,10 euro per i non residenti e 4,20 euro per i residenti, quindi non possiamo accettare un servizio a dir poco scadente” dicono i genitori che hanno sensibilizzato il problema e avviato la protesta.

“Con l’inizio dei rientri pomeridiani e della mensa i nostri figli si lamentano ogni giorno, praticamente non mangiano mai, né il primo, né il secondo con contorno…Frutta non ne parliamo! A volte manca persino il pane. Insomma, cibo razionato e di pessima qualità. Inoltre, aspetto strano, ci sono continue variazioni rispetto al menù prefissato” aggiungono ancora i genitori.

La lettera di protesta, con la raccolta firme, è indirizzata al Comune di Pietra Ligure e al dirigente dell’istituto comprensivo di Pietra Ligure. Ora i genitori e i loro rappresentanti chiedono un incontro urgente con l’amministrazione comunale e con i rappresentanti della ditta appaltatrice del servizio, la Camst, per risolvere il grave problema degli standard qualitativi e quantitativi della mensa scolastica.

La protesta, iniziata dalle scuole elementari di Pietra Ligure, dovrebbe estendersi anche al plesso scolastico di Borgio Verezzi, che ha lo stesso servizio mensa e dove non mancano, anche in questo caso, le lamentele di figli e genitori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sergio Sanguineti

    Ahahaha!… La CAMST… Quella che, a Savona (scuole ed ospedali “serviti”), tenne banco per parecchi anni… Quella cooperativa (ovviamente rossa ed emiliana, puta casu) che a Savona tenne “banco” per parecchi anni, ovviamente sotto la benevola egida comunista, con continui ribassi (in cents per pasto ad ogni aggiudicazione (tra continue ed inascoltate lamentele di utenti contro l’allora assessore ai servizi sociali di Savona) elargendo le sue “prelibatezze” (precotte e quasi fredde anche in asili e ospedali) finché fu astutamente soppiantata da altra cooperativa (puta casu), proprio a ridosso dell’apertura d’una inchiesta da parte della procura genovese… Cambiato sindaco a Savona, cambiato fornitore, tutto finì a tarallucci e vino… Basta leggere le cronache cittadine del Decimonono tra il 1996-2010… Ed ora, puta casu, se la è accaparrata Pietra Ligure che, avvedutamente, forse preferisce ignorare le cronache delle disgrazie accadute ai comuni più o meno limitrofi, in forza della solita “lungimiranza” degli amministratori locali cui, al pari di altri, pare nulla importare degli indifesi e dei bimbi, pur di salvaguardare la propria (incollata) “carega”, profumatamente pagata e sorretta da idioti sostenitori… Ahahah!… Crocchette per cani e per gatti ma, chissenefrega, malati e bimbi “a bocconetti” (“marotti e matetti a buccunetti”)…