IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Halloween in arrivo, Fasciolo (Silb): “Divertitevi ma solo nei locali autorizzati”

Il presidente dei locali da ballo: "Troppo spesso assistiamo alla violazione delle più semplici norme di pubblica sicurezza"

Savona. La “nightlife” sta cambiando, l’evoluzione é costante, ma la discoteca continua ad essere demonizzata. Ma al tempo stesso prolificano le feste non autorizzate che sono diventate un fenomeno diffuso in circoli privati, garage e in casa con tanto di dj che mettono musica con pennette usb dopo aver scaricato i brani illegalmente dal web.

L’invito di Fabrizio Fasciolo, presidente provinciale del Silb, l’associazione dei locali da ballo, in prossimità della festa di Halloween “è quello di divertirsi ma in locali autorizzati dalla legge”. “Spesso invece – spiega – assistiamo a feste e party a tema organizzate irregolarmente con somministrazione di bevande e animatori improvvisati. Questo invece non succede nei locali e nelle discoteche riconosciute e controllate dalle forze dell’ordine”.

Tra l’altro proprio i gestori dei locali che si sono ritrovati agli “Stati Generali” di Rimini hanno manifestato l’intenzione di scendere in mezzo ai ragazzi e alle loro famiglie ed essere critici e inflessibili contro coloro che non rispettano le regole.

Ancora Fasciolo: “Troppo spesso assistiamo alla violazione delle più semplici norme di pubblica sicurezza, mettendo a rischio quello che dovrebbe essere, appunto, solo un divertimento, un momento di spensieratezza che tra l’altro interessa soprattutto una fascia “sensibile” della popolazione, come i giovani ed i giovanissimi, a cui dobbiamo prestare la massima attenzione”.

Dal Silb arriva la forte richiesta alle forze dell’ordine di attivare con i gestori delle attività notturne un canale privilegiato di comunicazione per contrastare e prevenire questi fenomeni che prolificano non solo in estate, ma anche nelle altre stagioni dell’anno con circoli e feste private si trasformano in vere e proprie discoteche.

La modifica dell’articolo 100 del Tulps, datato 1931, é una delle priorità del nuovo corso della “nightlife”, unito alla ripresa del cammino per la costituzione del Dadisc, il daspo per le discoteche”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.