IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fondi in arrivo per lo start up dell’Unione Valmerula e Montarosio: 52 mila euro dalla Regione

Andora. Soddisfazione dei sindaci dell’Unione Valmerula e Montarosio che ha ricevuto dalla Regione Liguria un contributo di 52.000 euro, a fronte dei 25.000 messi a bilancio, per le spese di start up.

Una cifra adeguata a coprire buona parte dei costi per l’avvio della gestione delle funzioni comunali fondamentali. Il contributo, stabilito con decreto n. 2812 del 01/10/2015, sarà utilizzato per l’acquisto dei supporti tecnici ed informatici dell’Unione come i software di gestione del bilancio, delle funzioni condivise, dell’Albo pretorio, del dominio con i servizi di Pec, posta elettronica e l’eventuale creazione del sito internet.

L’Unione Valmerula e Montarosio aveva partecipato al Bando regionale per l’assegnazione di contributi riservati alle Unioni di Comuni ed ha soddisfatto i requisiti richiesti.

“Arriveremo presto alla piena operatività perché c’è la volontà congiunta di tutti i comuni di attuare, attraverso l’Unione, un progetto di gestione innovativa delle risorse, tutelando i servizi e attuando politiche di valorizzazione turistica e di salvaguardia del territorio – ha dichiarato Mauro Demichelis, presidente dell’Unione Valmerula e Montarosio -. Il cammino solitario dei Comuni è difficile perché lo Stato ci vincola col Patto di Stabilità, anche quando si hanno risorse a disposizione. Noi abbiamo scelto Comuni con cui condividiamo contiguità territoriale ed anche culturale. Con alcuni dei quali abbiamo già attuato progetti di promozione congiunti”.

La Regione, erogherà subito il 70% del contributo, una volta ricevuti i dati relativi al conto corrente della Tesoreria ed il saldo del 30% alla presentazione della rendicontazione.

La ricerca di fondi dell’Unione Valmerula e Montarosio prosegue anche al di là dei propri confini. A breve la firma di un protocollo d’intesa con i comuni e con l’Unione dei “Comuni della Vite e dell’Ulivo” per ideare e proporre progetti specifici finalizzati ad accedere ai fondi regionali mirati alla salvaguardia ed all’espansione dell’economia agricola.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andorese Doc

    Belin quanto costa sta unione! Tutti sti soldi per carta, penne e quattro computer. Ma ste palanche non si potevano spendere per qualcosa di più serio?