IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Emergenza” fungaioli, il sindaco di Calizzano: “Benvenuti, ma rispettate le regole” foto

Più informazioni su

Calizzano. “Sono e siamo come amministrazione e comunità tutte felici di vedere come in questi giorni il nostro territorio sia pacificamente invaso da numerosissimi cercatori di funghi, che scelgono i boschi del nostro paese per dilettarsi ed impegnarsi nella ricerca degli ambiti ‘bolletus’. Ma come ogni anno siamo a ricordare che quella che deve essere una passione ed un divertimento deve comunque essere svolta con buon senso, nel rispetto dei principi generali e di quelli delle norme di legge generali e speciali in materia”. A parlare è il sindaco di Calizzano, Pierangelo Olivieri, sulla scia degli avvenimenti dell’ultima settimana: da venerdì a oggi, infatti, sono già 7 in totale gli interventi delle squadre di ricerca nell’entroterra savonese per fungaioli dispersi nei boschi (uno dei quali ha portato alla morte dell’82enne Aldo Bellini: sotto i link agli articoli).

E così, per cercare di porre un freno ad una vera e propria emergenza, Olivieri puntualizza le regole basilari dell’andare per funghi: “Chi si avventura nel bosco deve essere preparato ed attrezzato, conscio di quello che ha la possibilità di fare. E’ opportuno cercare di essere sempre raggiungibili, con i mezzi che la tecnologia mette oggi a disposizione, ad iniziare dal telefonino, in particolare se si è da soli, nonché visibili, indossando abbigliamento almeno in parte colorato ed evidente, tenendo conto che in diverse giornate della settimana il bosco è ‘dominio’, oltre che dei fungaioli, anche dei cacciatori”.

Altra piaga sono i fungaioli non autorizzati: “La pressoché totalità del territorio boscato del nostro comune inoltre fa parte del Consorzio per la Tutela dei Prodotti del Sottobosco – ricorda il sindaco – che ne regolamenta l’accesso con la previsione di acquisto obbligatorio di tesserino, che può essere giornaliero o stagionale. Purtroppo anche quest’anno abbiamo già dovuto registrare la presenza ed identificazione di diversi trasgressori privi del detto tesserino, accertati con quantitativi a volte non irrisori di funghi, che hanno subito sanzione pecuniaria e la confisca del prodotto“.

funghi

“Quest’anno – rivela Olivieri – ho già dovuto emettere oltre dieci ordinanze di conferma del sequestro e disposizione di confisca di funghi, con riferimento ad altrettanti verbali elevati dalle Guardie del Consorzio, il cui impegno e dedizione sono fondamentali per il rispetto del sistema e che a nome di tutti con l’occasione sentitamente ringrazio”. Non sono invece raccoglibili le castagne: si tratta infatti dei frutti di alberi di proprietà privata.

“Da ultimo, ma non meno importante – conclude il primo cittadino – questa pacifica invasione porta sulle nostre strade e nel nostro territorio moltitudini di automobili: nel posteggiare le stesse spesso ‘a bordo strada’ si ricordano a tutti le disposizioni del Codice della Strada, con specifico riferimento all’intralcio alla circolazione e al pericolo; quanto poi ai posteggi effettuati lungo e all’imbocco del strade forestali (fermi e ribaditi i vincoli per le stesse previste dalla normativa speciale) essi rischiano di costituire intralcio per i mezzi da lavoro dei boscaioli e altri soggetti che operano nello stesso”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.