IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Di Tullio attacca Vazio: “Dopo l’Autorità portuale chiuderete anche il casello di Legino?”

Scontro tra due colonne portanti della sinistra savonese, da una parte il vicesindaco di Savona dall'altra il parlamentare di Albenga

Savona. La stoccata arriva a notte fonda e apre un dibattito virtuale nella sinistra savonese che avrà sicuramente un effetto prolungato. Un post nel buio di Livio Di Tullio, ex segretario provinciale del Pd e vicesindaco di Savona. Non è di quelli dolci. Tutt’altro. Se la prende con Franco Vazio, pure lui ex vicesindaco di Albenga e colonna portante del Pd a ponente.

“Da quando Franco Vazio è così vicino a Renzi e Del Rio, come lui sostiene, hanno tolto il finanziamento del raddoppio della ferrovia del ponente,  vogliono chiudere l’Autorità portuale, l’Aci, la Prefettura, la Questura e il comando dei Vigili del Fuoco.  Non è meglio che Franco si allontani un po’? Altrimenti finisce che ci chiudono anche il casello autostradale di Legino?”, si domanda Di Tullio. Ora non resta altro che aspettare la risposta del parlamentare albenganese Franco Vazio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Occorre ammettere che questa volta Di Tullio ha colto nel segno. Vazio, Berruti la nouvelle vague del PD che spiegano la loro vicinanza al potere renziano. Poi ci si trova una città al limite del fallimento (Savona)e un sindaco che lascia la vita politica con ben poca gloria e un deputato del ponente che non ottiene nulla se non l’abbandono del raddoppio ferroviario in perfetto stile di gestione del potere albenganese. Seconde me una generazione deludente. Bocciati.