IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Deragliamento Andora, 22 mesi di silenzio per un’inchiesta ancora aperta fotogallery

Trentamila pratiche fotocopiate, reati in parte prescritti e una montagna di detriti ancora sotto sequestro

Andora. Era il 17 gennaio 2014 quando il treno Intercity 660, proveniente da Milano e diretto a Ventimiglia, deragliò per colpa di una frana a Capo Rollo tagliando in due la Riviera di Ponente per oltre un mese. Un incidente che provocò il ferimento di due macchinisti, del capotreno e di alcuni passeggeri e danni incalcolabili per ripristinare la linea e all’immagine di Andora.

Treno deragliato Andora

Ci sono voluti ventidue mesi per effettuare una consulenza tecnica, 30 mila fotocopie di pratiche comunali con un Municipio paralizzato per tre settimane per un’inchiesta con reati che in buona parte sono già prescritti.

Oggi, 5 ottobre 2015, l’inchiesta è ancora aperta e si spera che qualcosa si muova. Il sostituto procuratore della Repubblica Giovanni Battista Ferro, avvicinato dal cronista di Ivg.it,  spiega comunque che una decisione è in dirittura d’arrivo. Chi sono gli indagati? Quanto è costata l’inchiesta? Chi pagherà i danni d’immagine per Andora e quelli subiti da Trenitalia e dalle migliaia di passeggeri che hanno subito disagi enormi viaggiando in auto e in pullman per raggiungere il posto di lavoro?  Una cosa è certa. Già in quelle settimane travagliate Rfi aveva precisato che “nessuno ha mai parlato di presentare fatture al Comune, ma ci sarà la necessità di una definizione delle competenze nella ripartizione dei costi”. Bene chi pagherà allora?

In Procura le bocche sono tutt’ora cucite. Dunque bisogna solo avere la pazienza di aspettare. Quanto tempo ancora però non è dato sapere. Tutti vorrebbe avere notizie, soprattutto ad Andora. Ci si domanda ad esempio se tutto questo tempo sia stato necessario per arrivare ad una conclusione. “Siamo di fronte alla classica storia della giustizia lumaca oppure questi 22 mesi sono stati necessari per raccogliere perizie e consulenze tecniche per fare luce, in modo dettagliato e scrupoloso, sul disastro ferroviario?” si chiedono gli andoresi.

Nel frattempo, ad oltre un anno e mezzo di distanza, i danni da quel deragliamento ferroviario ci sono e sono evidenti. A ponente della stazione ferroviaria c’è ancora una grande quantità di detriti che sono stati sistemati lì dai tecnici di Rfi durante le operazioni di ripristino. Una montagna che fa bella mostra su un binario morto a ridosso della strada che costeggia la ferrovia. E’ tutto ancora sotto sequestro. Un’altra immagine indecorosa per la cittadina del ponente savonese che lavora e vive di turismo.

Una frana, quella del 17 gennaio dello scorso anno, che aveva rovesciato sul treno e sulla linea qualcosa come  35 mila metri cubi di materiale insieme ad una terrazza di una villa plurifamiliare. Aveva un fronte di 200 metri e un’altezza di circa 200 metri. Pure quell’area era stata messa sotto sequestro e la zona era presidiata giorno e notte dalla vigilanza per evitare che gli sciacalli depredassero villette e abitazioni di Capo Rollo.

frana-andora-04

Il treno venne rimosso il 24 febbraio 2014 con un’operazione spettacolare impiegando una grossa chiatta che era arrivata da Genova con un costo da capogiro.  “L’intervento – avevano spiegati i tecnici di Rfi – è comprensivo dell'”operazione chiatta”, e quindi l’allestimento della superpiattaforma con le cinque gru, della messa in sicurezza del versante e della bonifica strutturale dei binari oltre alla perdita del locomotore che è molto danneggiato e difficilmente recuperabile”. Costo dell’operazione? Due milioni e mezzo di euro e a questo si devono aggiungere i costi sostenuti da Trenitalia (mancati introiti, costi dei bus sostitutivi). Un’enormità.

Anche l’amministrazione comunale però aveva presentato il suo conto. Subito dopo il deragliamento del treno era stato sequestrato il terzo piano del Municipio ovvero l’ufficio relativo ai lavori pubblici, all’ambiente, l’ufficio abusi, edilizia privata, demanio, protezione civile, servizi tecnologici come acquedotto e fognatura, ambiente.

sigilli comune andora treno

Una situazione che aveva costretto l’ufficio personale a mettere in ferie obbligatorie una dozzina di dipendenti e altri a fare 30 mila fotocopie di pratiche e incartamenti. L’allora sindaco Franco Floris aveva chiesto e ottenuto dalla Procura che i fascicoli d’interesse nell’inchiesta venissero trasferiti nell’ex sala del consiglio comunale. “Questo per consentire di non bloccare l’intera attività della macchina comunale”, disse il sindaco. Istanza accolta, ma le pratiche erano comunque finite sotto chiave e così  la macchina del Municipio aveva subito comunque un fortissimo rallentamento.

frana andora, sopralluogo 3 febbraio

Altra domanda: la Procura cercava altro oltre alle pratiche relative alla collina  dove si era verificata la frana? Non è dato sapere. Bocche sempre più cucite a palazzo di giustizia. Altra certezza: quell’interruzione dell’attività comunale, collegata al deragliamento del treno, ha influenzato moltissimo anche nella campagna elettorale che stava iniziando. Un danno d’immagine per la giunta in carica e retta da Floris che poi perse l’elezione a tutto vantaggio della lista civica antagonista che aveva candidato Mauro Demichelis, attuale sindaco della cittadina.

collina deragliamento

Ventidue mesi dopo c’è una montagna di detriti in stazione ancora sotto sequestro, una nuova giunta comunale e un’indagine che non è dato sapere se avrà uno sbocco e gli andoresi sono stanchi di aspettare.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alvaro felici

    Silenzio.Certo!
    Che caXXo volete sentirvi dire?!?
    … “GrandiOpere” “AllacciateLeCinture” “CrescitaRiformeSviluppo” …
    Bo’ contenti voi.
    MaledettiRosiconi.SPARIRETE!

    UnAbbraccio
    Arvaro
    (IlPreciso)

  2. Scritto da hadrianus

    Vuoi vedere che si finirà col dire CHE LA COLPA E’DEL DESTINO
    e che tra patteggiamenti, riti abbreviati e quant’altro le ns. leggi consentono, questo DESTINO COLPEVOLE sarà assolto !
    A proposito della montagnola di terra che è in stazione farci sopra ” dei giardini pensili ? ” tanto li è già tutta una Babilonia !