IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cgil, calano le ore di cassa integrazione: lenta risalita dell’occupazione

Savona. I dati Inps di settembre 2015 sulle ore autorizzate di integrazione salariale in Liguria, segnano un piccolo record nella classifica degli anni contraddistinti dalla crisi. Il dato infatti (755 mila ore autorizzate con un calo del 43 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) è il più basso dal settembre 2009, anno in cui esplose la recessione.

“E’ senza dubbio un dato positivo, anche se non tutti i settori produttivi sono ancora usciti dalle sabbie mobili, ma almeno si è trovato un ramo al quale aggrapparsi. Probabilmente quel ramo resterà per molto tempo l’unica ancora di salvezza perché è impensabile tornare ai cosiddetti livelli pre-crisi, quando la cassa integrazione era all’incirca la metà dell’attuale (Genova ad esempio ha ancora adesso quasi 5,5 milioni di ore autorizzate, Savona oltre due). Analizzando il dato di settembre si può rilevare come il monte ore CIG complessivo (composto da cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga) diminuisca grazie alla notevole flessione delle richieste di ore per la cassa straordinaria (meno 67.2 per cento) e della cassa in deroga (quasi l’80 per cento)” afferma Marco De Silva è il responsabile dell’Ufficio Economico Cgil Liguria.

“La “straordinaria” infatti, che è concessa per ristrutturazioni o per crisi (ma più per le seconde) contiene anche la quota dei contratti di solidarietà, cala di quasi un quarto rispetto al 2014. L’approfondimento sui settori fa emergere le criticità dell’industria alimentare ligure al massimo storico di ore autorizzate (+66.8 per cento) e con tutte le tipologie di cassa in crescita. Negli altri comparti il turismo conferma il periodo positivo in cui alberghi e ristoranti hanno fatto meno ricorso alla cassa confermando i segnali di ripresa già emersi da presenze e occupazione, mentre al contrario, continua a soffrire il commercio dove la cassa straordinaria è invece ai massimi livelli” aggiunge.

“Il riassorbimento ancorché parziale della cassa integrazione può essere un segnale (da confermare e da prendere con le molle) di una lenta risalita occupazionale in atto da alcuni trimestri nella nostra regione, non sempre però affiancata da qualità e stabilità dell’impiego (Il riferimento è ai voucher). Insieme a chi il lavoro bene o male ce l’ha, infine, ci sono quelli che il lavoro sicuramente l’hanno perso: da gennaio ad agosto di quest’anno, sono quasi 26 mila le domande presentate in Liguria di aspi, miniaspi, naspi, la vecchia “indennità di disoccupazione” conclude il responsabile Cgil.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.