IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Canottaggio, “Trofeo Aristide Vacchino”: Giona Piccardo primo tra gli Allievi B 2003

Decimo posto tra le società per la Lega Navale Italiana Savona

Savona. Nel week end appena concluso si è svolto, nello spazio acqueo interno al porto vecchio di San Remo, il 34° “Trofeo Aristide Vacchino”, regata internazionale sprint Allievi e Cadetti.

La manifestazione è stata indetta dalla Federazione Italiana Canottaggio e realizzata dalla Canottieri Sanremo con il patrocinio della Regione Liguria (assessorato allo Sport) e del Comune di San Remo, con la collaborazione del Coni e della Fondazione Carige.

Alla regata hanno partecipato 16 società: Lega Navale Italiana Savona, Società Dilettantistica Canottieri Lario G. Sinigaglia, Unione Sportiva Carate Urio, Canottieri Santo Stefano al Mare, Società Canottieri Menaggio, Società Canottieri Genovesi Elpis, Rowing Club Genovese, Canottieri Tremezzina, Canottieri Moto Guzzi, Canottieri Cernobbio, Canottieri Sanremo, Canottieri Urania, Canottieri Retica, Canottieri Luino, Cannero Sportiva, S.S. Murcarolo, per un totale di 106 atleti.

Il “Trofeo Aristide Vacchino” ha visto, quindi, la presenza di oltre 200 persone tra atleti, tecnici ed accompagnatori. Nella giornata di sabato 17 ottobre a partire dalle ore 15,30 alle 17,30, con partenza ogni cinque minuti, si sono svolte le batterie eliminatorie per la determinazione delle finali che si sono svolte nella giornata di domenica 18 ottobre, con partenza alle ore 8 delle piccole finali (finali B, C e D) e alle ore 9,45 delle finali assolute (finali A disputate tra i classificati nelle prime posizioni delle batterie del sabato). Tutte le regate, combattute fino all’ultima “remata”, sono state ricche di emozioni ed hanno dato origine ai seguenti risultati:

Il “Trofeo Aristide Vacchino” è stato assegnato alla Società Dilettantistica Canottieri Lario G. Sinigaglia, prima società classificata.

Il “Trofeo Giuseppina Cerchiari” è stato vinto da Rovesti Martino della Società Dilettantistica Canottieri Lario G. Sinigaglia, primo classificato nella categoria Cadetti maschile 2001.

Il “Trofeo Arnaldo Albarelli” è andato a Zocchi Emma Giovanna della Società Dilettantistica Canottieri Lario G. Sinigaglia, prima classificata categoria Cadetti femminile 2001.

E’ stata, inoltre, consegnata all’atleta maschile più giovane, Ferreri Tomassini Adriano della Società Canottieri Elpis, una coppa offerta dalla “nonna” Renata ed all’atleta femminile più giovane, Goglia Giulia della Canottieri Tremezzina, una coppa offerta dal Master Riky Bruno.

I primi classificati per ogni categoria sono i seguenti:
Allievi B femminile 2004: Tedoldi Angelica – Canottieri Retica;
Allievi B maschile 2004: Maryn Alessandro – Rowing Club Genovese,
Allievi B femminile 2003: Mossi Serena – Canottieri Lario Sinigaglia;
Allievi B maschile 2003: Piccardo Giona – LNI Savona Gruppo;
Allievi C femminile 2002: Ramella Alice – Canottieri Santo Stefano al Mare;
Allievi C maschile 2002: Gatti Tommaso – Canottieri Cernobbio;
Cadetti femminile 2001: Zocchi Emma Giovanna– Società Dilettantistica Canottieri Lario G. Sinigaglia;
Cadetti maschile 2001: Rovesti Martino – Società Dilettantistica Canottieri Lario G. Sinigaglia.

Nell’albo d’oro del “Trofeo Aristide Vacchino” viene, quindi, iscritta la Società Dilettantistica Canottieri Lario G. Sinigaglia giunta prima con 200 punti, che si è imposta sulla Canottieri Moto Guzzi, seconda con 130 punti. Al terzo posto si è classificata la Canottieri Cernobbio con 122 punti.

Seguono, in ordine di classifica: Unione Sportiva Carate Urio (85 punti); Canottieri Retica (78 punti); Rowing Club Genovese (74 punti); Canottieri Tremezzina (74 punti); Canottieri Santo Stefano al Mare (65 punti); Canottieri Luino (63 punti); Lega Navale Italiana Savona (54 punti); Società Canottieri Genovesi Elpis (43 punti); S.S. Murcarolo (23 punti); Società Canottieri Menaggio (16 punti); Canottieri Sanremo (13 punti); Canottieri Urania (7 punti); Cannero Sportiva (2 punti).

Le due giornate di regate si sono, quindi, concluse sulla terrazza della sede della Canottieri Sanremo dove, alle ore 12 di domenica, è avvenuta la premiazione alla presenza di Eugenio Nocita assessore allo sport del Comune di San Remo; Siletto Maura presidente di giuria; Onorato Lanza responsabile arrivo.

Per l’ottima riuscita della manifestazione occorre ringraziare: i giudici arbitri della Federazione Italiana Canottaggio, guidati dal presidente di giuria Siletto Maura: Pignone Bruno; Blasic Roberto; Acciaro Barbara; Cavallo Eugenio; Biggi Lorenza, l’Arma dei carabinieri Nucleo Sommozzatori di Genova Voltri; la Federazione Italiana Cronometristi Riviera dei Fiori; la Croce Rossa Italiana; Renato Alberti; Claudio Battaglia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da kagomuti3

    Non posso che concordare con te sia da un punto di vista tciceno che sulla totale mancanza di novite0 e di approfondimento e quindi dalle zero proposte che vengono dal mondo della canoa .Naturalmente ti ringraziamo sia Betta che io per i complimenti che fanno sempre piacere , soprattutto se fatti sapendo che non si puf2 avere un ritorno di posizione !!!.Il problema della canoa comincia dalla testa : e8 di ieri la notizia ( anche se gia si sapeva da una settimana ) che il presidente federale ha designato Mauro Baron responsabile ecnico di tutte le squadre , olimpica compreso . Da un punto di vista della persona nulla da dire , rispetto a Mazzoni c’e8 un abisso tipo fossa delle Marianne , ma non sare0 messo li perche poi dopo deve nominare a sua volta il fratello del presidente tciceno della velocite0 ? Io spero che eticamente non accada una csoa del genere , ma mi aspetto di tutto . Inoltre il presidente ,che come e8 noto , crede di poter essere piu bravo di tutti i tecnici ( ma non poteva farlo lui che cosi lo poteva dimostrare ) individua la necessite0 di cambiare metodologia di allenamento per la velocite0 ? Sicuro che per cambiare metodologia il fratello non e8 proprio adatto , legato alla sua jurassica metodica che potrebbe essere preso a riferimento magistrale per cosa non fare . Ma sinceramente e8 finito il tempo in cui mi incazzavo per queste cose : continuiamo a parlare di aspetti tecnici che poi possono anche darci nuovi spunti per nuove proposte , anche in altri sport , con chi come te e pochi altri hanno intenzione di usare la testa e farsi una propria idea . Che la federazione e i suoi dirigenti si coltivi il proprio orticello .