IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Balneari, appello di Vaccarezza al governo: “Una riforma prima della sentenza della Corte di Giustizia”

Più informazioni su

Regione. “Ottenere una urgente soluzione normativa di riordino del comparto balneare, prima della sentenza della Corte di Giustizia Europea ed avviare immediatamente la consultazione tra le categorie al fine di dare il via ad un tavolo tecnico tra Governo e associazioni”.

E’ l’appello lanciato dal presidente della Commissione Demanio della Regione Liguria, Angelo Vaccarezza, in un ordine del giorno: il documento, che sarà presentato ufficialmente domani in occasione del Sun di Rimini, chiede una urgente soluzione normativa di riordino del comparto balneare che anticipi e renda inefficace la prossima sentenza della Corte di Giustizia europea nei giudizi promossi dal TAR Lombardia e dal TAR Sardegna, superando così l’attuale situazione di incertezza e che garantisca alle imprese balneari familiari in attività un periodo transitorio di durata non inferiore a 30 anni.

“Durante questo periodo sarà possibile – aggiunge il presidente – esplorare ogni soluzione giuridica in grado di assicurare alle imprese balneari la stabilità necessaria per sviluppare la loro attività, garantendo le funzioni di propulsione e garanzia da loro svolte finora nei confronti dell’ambiente, dell’economia e dell’occupazione, evitando ogni sorta di asta o di evidenza pubblica”.

Le microimprese familiari attualmente concessionarie non sarebbero minimamente in grado di competere alla pari con i potenziali concorrenti provenienti da un mercato globalizzato, nel quale i soggetti maggiormente evoluti – gruppi finanziari nazionali e stranieri, fondi d’investimento, grandi cooperative, mafie – la farebbero da padroni. Se l’assegnazione delle concessioni attualmente in attività dovesse essere effettuata mediante gara, le conseguenze patrimoniali, economiche, sociali, occupazionali, ambientali, dirette e indirette, all’interno del comparto regionale e nazionale e nel loro indotto sarebbero devastanti.

“Questo il Governo sembra non averlo ancora capito, aggiunge Vaccarezza, perché continua a temporeggiare nonostante che, lo scorso anno, riconoscendo la necessità di una riforma efficace del demanio marittimo, peraltro più volte sollecitata e attesa dall’Europa, si fosse impegnato a definire un nuovo quadro normativo a livello nazionale che assicurasse certezze al comparto balneare”.

“Il percorso, conclude Vaccarezza, come dimostravano le varie bozze di volta in volta redatte e in possesso dei sindacati di categoria, individuava dei punti fondamentali quali ad esempio la determinazione di un “congruo” periodo transitorio sulla cui durata il Governo non si è mai espresso”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.