IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Assolda aguzzino per uccidere il padre, due arresti per tentato omicidio a Savona

L'ipotesi di una rapina in abitazione ai militari di Savona è apparsa quantomeno dubbia

Savona. Ha assoldato un aguzzino per uccidere il padre e incassare i soldi dell’eredità. Compenso del folle piano: 10 mila euro. Alla fine i carabinieri hanno arrestato due uomini con l’accusa di concorso in tentato omicidio.

Era da poco passato mezzogiorno di sabato quando una donna ha chiamato preoccupata il 112 per segnalare che il vicino di casa chiedeva aiuto, verosimilmente per un malore dall’interno della sua abitazione e che la porta d’ingresso era chiusa.

Nell’inviare subito la pattuglia del Radiomobile, l’operatore richiedeva anche l’intervento del 118 e dei Vigili del Fuoco. Non  appena i carabinieri sono entrati all’interno dell’abitazione si sono subito resi conto che in realtà non si trattava di una malore, ma di qualcosa di assai diverso e grave.

L’uomo, Renato Costa, 80 anni, ex ferroviere in pensione, ha raccontato ai carabinieri di essere entrato in casa e di essersi trovato di fronte un uomo travisato che lo aveva scaraventato a terra e aggredito. La vittima però aveva reagito riuscendo a mettere in fuga il malvivente che aveva tentato anche di soffocarlo con un cuscino.

Da subito l’ipotesi di una rapina in abitazione agli inquirenti è apparsa quantomeno dubbia: la porta di casa era chiusa eppure il malvivente era già all’interno, in casa non era stato toccato nulla e soprattutto l’aggressione all’anziano sembrava non avere alcun motivo.

Le immediate indagini degli uomini dell’Arma hanno permesso di ricostruire l’accaduto in tutta la sua triste realtà: si era trattato infatti di un tentativo di omicidio, ordito dal figlio della vittima, Rinaldo, che allo scopo aveva assoldato un conoscente dietro compenso, Andrea Invicibile.

In ballo c’era appunto l’eredità dell’ottantenne che il figlio temeva di perdere. Forse tutto quei beni sarebbero andati ad una amica del pensionato ottantenne, una donna di 49 anni, originaria della Mauritania.

Tutti i dettagli saranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà questa mattina alle ore 09.30 presso la caserma del Comando Provinciale Carabinieri di Savona di Via Mentana nr. 3.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.