IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Assistenza legale per la legittima difesa, il Coisp: “Sia garantita anche per le forze dell’ordine”

La Regione sta valutando un disegno di legge per il patrocinio legale delle vittime di reati accusate di eccesso di legittima difesa

Liguria. “Apprendiamo che l’assessore alla sicurezza della regione Liguria in questi giorni ha presentato un disegno di legge che prevede il patrocinio legale per quei cittadini che potrebbero, per difendere la propria persona o il patrimonio, incappare nel girone infernale giudiziario dell’eccesso colposo di legittima difesa”. Prende posizione il leader ligure del Coisp, il sindacato indipendente del panorama della Polizia di Stato, sulla novità che con ogni probabilità verrà introdotta con l’inizio del prossimo anno.

“E’ chiaro che ogni qualvolta un cittadino si dovesse trovare ad affrontare un processo per un reato simile, vuol dire che la sicurezza nel nostro paese non ha funzionato alla perfezione e di questo, purtroppo, non c’è più da meravigliarsi! Basta considerare che oggi i pochi e vecchi poliziotti presenti sul territorio non sono certo dei super eroi, ma degli esseri umani che fanno di tutto per cercare di arginare le falde, che si traducono in un cattivo servizio per i cittadini, del sistema sicurezza italiano, , causate dai continui tagli imposti da una politica nazionale miope nei confronti della situazione drammatica a cui sono costretti i propri fedeli servitori, che solamente grazie al loro spirito di sacrificio e senso d’abnegazione riescono ad evitare ulteriori brutte figure ai nostri cari politici in tema di legalità”.

E’ poi lo stesso leader ligure del Coisp Matteo Bianchi che chiede una vicinanza della politica locale e un segno tangibile che la stessa non usi il tema della sicurezza solo per la campagna elettorale ma ci creda concretamente: “Prendiamo spunto proprio dalle dichiarazioni dell’assessore Viale, rilasciate a mezzo stampa, dove afferma che tutelare chi si difende da un reato è un gesto di civiltà; affermazione alla quale noi aggiungeremmo anche che tutelare chi difende gli altri è un alto gesto di democrazia. Con questo il Coisp vuole porre all’attenzione proprio dell’assessore in questione, una problematica che la stessa conoscerà molto bene considerato che è stata anche sottosegretario del ministero dell’interno, ossia che oggi le forze dell’ordine del nostro paese non hanno una tutela legale; riassumendo significa che se un poliziotto o un carabiniere viene indagato per fatti connessi al servizio, lo stesso dovrà pagare di tasca propria le spese per affrontare il processo, anche se il reato fosse appunto eccesso colposo di legittima difesa oppure se un delinquente qualunque decidesse, solo per vendetta , di denunciare una presunta violenza subita da parte di un appartenente delle forze dell’ordine all’autorità giudiziaria. Per tali motivi chiediamo con forza che la Regione sia pioniera in questo caso e si faccia garante delle spese legali per tutti i rappresentanti delle forze dell’ordine della nostra Regione, che per 24 al giorno e per 365 giorni all’anno garantiscono la sicurezza dei nostri concittadini, in caso d’imputazioni degli stessi per fatti inerenti l’attività operativa salvo non venga ovviamente riconosciuta palesemente una colpa grave.”

“Auspichiamo – termina Bianchi – che l’incontro che il Coisp avrà tra due giorni proprio con l’assessore Viale e l’assessore Berrino possa essere un primo fondamentale passo verso un’innovazione che, se si dovesse concretizzare, non avrebbe eguali per ora in nessun altro posto del territorio nazionale. Tutto ciò finalmente farebbe sentire le forze dell’ordine amate, protette e considerate dalla politica cosa che, negli ultimi tempi anche e soprattutto ad esempio nella città di Genova, non è accaduta.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.