IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rebagliati, Tarsi, Biscuola, Mordeglia: poker d’assi Arcobaleno nel week end

Tra i campionati italiani universitari e il meeting "Brixia"

Savona. Lo scorso fine settimana ha visto impegnati atleti Arcobaleno su diversi fronti.

A Fidenza in scena i campionati italiani universitari, nei quali era in gara Stefania Biscuola. Dopo un 400 corso in 57″88, in una giornata fredda e a tratti piovosa, che non ha soddisfatto le sue aspettative, corre un buon 200 in 26″03, sua seconda prestazione di sempre.

A Bressanone, nel prestigioso “Brixia”, meeting nazionale Juniores, ottimo risultato per Francesco Rebagliati (nella foto) che giunge secondo in 54″10, record provinciale Juniores e record sociale assoluto, confermando i miglioramenti già palesati sulla distanza piana e le ottime prospettive per i campionati italiani di categoria.

Sulla distanza piana si è invece esibita Gaia Tarsi che, dopo un passaggio folle ai 200 metri, conclude quarta in 58″56 migliorando comunque il record sociale Juniores, strappato a Stefania Biscuola e centrando il quarto minimo per i campionati italiani Juniores.

Ancora a Bressanone in scena alcuni Allievi ed Allieve, impegnati nel tradizionale incontro per rappresentative regionali, più una slovena e due regionali tedesche, ovvero un consesso di elevata qualificazione pur trattandosi di ragazzi di 16/17 anni.

La premessa per dire che il compito che attendeva i selezionati dell’Arcobaleno per la Liguria era particolarmente ostico. Si è ben difesa ottenendo il miglior piazzamento delle due squadre (maschi e femmine) Veronica Mordeglia, impegnata nei 2000 metri siepi chiusi al quinto posto in 7’22″66, suo terzo tempo di sempre, poco distante dal personale.

Personale per l’unico maschio schierato, Andrea Landini, che nel salto in alto ha valicato 1,80 metri.

Un po’ sottotono Elena Chiesa nei lanci (peso e giavellotto), Isabella Chiarappa negli 800 e Giovanna Malerba nei 1500 metri, ma l’aver conseguito la possibilità di gareggiare in tale ambito costituirà sicuramente per loro un ottimo stimolo per cercare di migliorarsi, in una stagione ancor lunga e ricca di appuntamenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.