IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Immigrazione, cambiano le modalità per la richiesta della cittadinanza

Dal 18 maggio è possibile presentare le istanze in formato cartaceo o elettronico, dal 18 giugno solo per via telematica

Savona. Sono destinate a cambiare le modalità per la presentazione delle domande per la concessione della cittadinanza italiana da parte dei cittadini stranieri.

“A partire dal 18 maggio – fanno sapere dalla Prefettura di Savona – sarà possibile presentare le istanze sia in formato cartaceo che in formato elettronico, mentre dal 18 giugno la presentazione delle domande avverrà esclusivamente per via telematica mediante il sistema ‘Ali’ attualmente utilizzato per l’invio delle richieste di nulla osta al lavoro, ricongiungimenti familiari, test di italiano e gestione dell’accordo di integrazione”.

Il richiedente dovrà registrarsi ed accedere mediante le credenziali ricevute a seguito della registrazione stessa secondo modalità identiche a quelle già utilizzate per la consultazione dello stato della pratica su Sicitt Web. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito della Prefettura di Savona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bandito
    Scritto da Bandito

    Immagino già le truffe elettroniche che staranno preparando quelli che vendono permessi di soggiorno.
    Comunque una considerazione, forse sarebbe il caso di dare la cittadinanza a tutti quelli che arrivano, almeno come cittadini non avrebbero diritto ad essere alloggiati in lussuosi alberghi, mantenuti a spese della comunità, non riceverebbero soldi o schede telefoniche, pagherebbero il ticket per la sanità ecc., insomma si troverebbero a doversi sbattere per vivere proprio come noi. Penso che gli sbarchi calerebbero in maniera esponenziale.