IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il ministro Orlando a Cairo: “La scuola penitenziaria non sarà un carcere, serve struttura ad hoc” fotogallery video

Cairo M. “La scuola di polizia penitenziaria ha un grande ruolo e una grande potenzialità nell’ambito della formazione. Può essere concepito anche per funzioni di protezione civile e integrarsi maggiormente con il territorio, valutando l’utilizzo di alcuni spazi. Non credo che qui si possa ragionare per il nuovo carcere della Provincia di Savona”. Lo ha detto oggi pomeriggio il ministro della Giustizia Andrea Orlando in visita a Cairo Montenotte per sostenere la corsa alle elezioni regionali del candidato Mauro Righello del Pd.

orlando cairo

“Il nuovo carcere è senz’altro un obiettivo e nonostante dobbiamo lavorare in quadro di ristrettezze economiche la realizzazione di una nuova e moderna struttura penitenziaria nel savonese rimane una delle opere da programmare e fare, senza dubbio, anche per la situazione davvero fatiscente dell’attuale carcere a Savona” aggiunge il ministro Orlando.

“Si tratta di costruire una struttura nuova ad hoc e non credo che la Scuola di Polizia Penitenziaria presenti i requisiti idonei per la trasformazione in un carcere” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Il Comune di Cairo è favorevole. La struttura è già lì, non serve a nulla e con pochi soldi diverrebbe un carcere moderno e molto più dignitoso di quello di Savona. Forse il problema è che ci vogliono pochi soldi per farlo anziché buttare 50 milioni di euro per un carcere chela classe politica dice di volere fare da 30 anni e non si muove pietra.
    E’ scandaloso, ma non per la politica, ma per il buonsenso. Se è venuto a fare un dispetto a Briano per fare un favore a Righello siamo scesi in basso, molto in basso. Ed è sorprendente che un politico di provincia, funzionario del PCI da quando aveva 19 anni si presti come ministro a questi giochetti da campagna. E’ riuscito a stabilire che l’Enel che brucia carbone a La Spezia non inquina con il plauso di tutti, dovrebbe fare l’unica cosa che si dovrebbe fare e che neanche lui farà: un carcere decoroso costruito in due anni come in ogni parte civile di questo continente.

  2. Scritto da Enry

    Parola di ministro. PRO TEMPORE ! Ha la stessa credibilita’ del suo capo!