IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, aggredito il sindaco Enzo Canepa

L'aggressione avvenuta l'altra sera in strada davanti al palazzo civico

Alassio. Una vera e propria lite fatta di insulti e improperi, che a un certo punto è degenerata sul piano fisico. Protagonisti della vicenda avvenuta l’altra sera il sindaco di Alassio Enzo Capena ed un abitante della località rivierasca che fino a qualche tempo fa ha beneficiato dei sussidi dei servizi sociali.

Di recente, però, questo contributo è stato sospeso e così l’uomo l’altra sera si sarebbe presentato davanti al sindaco davanti al palazzo civico chiedendogli cento euro. Al rifiuto di Canepa, tra i due sarebbe iniziato un battibecco al termine del quale l’uomo avrebbe rifilato al sindaco uno schiaffo.

Sul posto sono subito arrivati gli agenti del commissariato della Polizia di Stato, che hanno raccolto le testimonianze dei due. Secondo la versione dell’uomo, a sferrare il primo colpo sarebbe stato Canepa. Ai poliziotti il compito di ricostruire la dinamica anche basandosi sulle testimonianze degli altri presenti.

Non appena si è sparsa la notizia dell’episodio che ha visto protagonista il sindaco Enzo Canepa, da più parti sono iniziate ad arrivare attestazioni di vicinanza e solidarietà. Come dagli esponenti di “Progetto Alassio”: “Desideriamo esprimere semplicemente la nostra solidarietà al sindaco per la squallida aggressione subita. Il fatto che si abbandoni la dialettica politica, anche accesa, e si passi all’intimidazione piuttosto che all’aggressione fisica è un segnale che ciascuno di noi non deve sottovalutare. In questi giorni abbiamo avuto prova di come l’astensionismo alle elezioni raggiunga punte elevatissime, segno inequivocabile del malcontento popolare”.

“Il ripetersi di fenomeni d’aggressione impone quindi, oltre alla riflessione sulle scelte amministrative fatte o criticate, una risposta forte ed inequivocabe da parte di tutti coloro che fanno parte della cosiddetta società civile, affinché da un lato si possano trovare soluzioni concrete, immediate e condivise ai problemi e contestualmente si isolino coloro che vorrebbero solo lo sfascio mediante la violenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. gabbiano
    Scritto da gabbiano

    Belin, ma perché non si dice chi è quest’uomo? Il nome del Sindaco si fa, per l’altro c’è la, ridicola, privacy. Mi pare giusto che tutti sappiano chi è violento in modo da potersene guardare.