IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado Ligure, dibattito pubblico sulla gestione dei rifiuti

Parteciperanno esperti e amministratori che stanno affrontando questo problema in altre realtà locali

Vado Ligure. Un dibattito sulla gestione dei rifiuti, con esperti e amministratori che stanno affrontando questo problema in altre realtà locali: è quello organizzato da #Reteasinistra che si terrà domani sera alle 20.30 a Vado Ligure, nella SOMS della Valle di Vado, con la partecipazione di Alessio Ciacci, attualmente direttore dell’azienda della raccolta dei rifiuti del comune di Messina, che in precedenza come assessore all’ambiente del comune di Capannori aveva ottenuto risultati importanti a livello nazionale.

Con lui anche l’assessore all’ambiente del comune di Savona Jorg Costantino, che proprio in questo periodo sta organizzando la raccolta differenziata a Savona, e Simona Simonetti, già assessore del Comune di Vado Ligure e attualmente consigliera di opposizione al Comune di Finale Ligure.

“La gestione del sistema dei rifiuti sta diventando un problema prioritario soprattutto a livello locale dove specialmente sul territorio di Vado insistono ben due discariche – spiegano Valeria Ghiso e Nadia Ottonello di #Reteasinistra – Con la recente normativa europea e l’approvazione del Disegno di legge regionale n.157 del 2014 che recepisce la normativa nazionale dobbiamo avviare al più presto una gestione dei rifiuti ben organizzata che disponga di aree e mezzi adeguati per la raccolta differenziata”.

“Ad oggi ci risulta – proseguono gli organizzatori – che i comuni di Vado e Quiliano siano molto in ritardo sulle procedure previste dalla legge, mentre i comuni limitrofi hanno già avviato i lavori anche con campagne di informazione per i cittadini; nel frattempo le nostre discariche si stanno esaurendo e la raccolta differenziata per Vado rimane confinata in modo sperimentale alla frazione della Valle ormai da troppo tempo”.

“A fronte di tutto questo la cittadinanza continua a pagare tasse esose senza nessun riconoscimento in termini finanziari del disagio provocato dalle discariche, anche se i comuni hanno partecipazioni abbastanza elevate all’interno delle società che si occupano dello smaltimento dei rifiuti. Per questo, consapevoli che il tema dello smaltimento dei rifiuti sia prioritario soprattutto su un territorio che sopporta molte criticità ambientali, intendiamo dare un contributo costruttivo e non solo in termini di critica all’operato dei comuni, organizzando questo dibattito”, concludono da #Reteasinistra.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.