IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Upa Savona “Vacanze sicure in alberghi certificati e lotta severa all’abusivismo”

Gli albergatori parla di “concorrenza sleale” e di “violazione delle norme per la sicurezza pubblica

Savona. Sorgono come i funghi. Dove c’è una villetta c’è un bed and breakfast. Dove c’è un appartamento ecco che appare un bel cartello con la scritta “affittacamere”. E spesso si tratta di attività estemporanee e prive di autorizzazioni e quindi abusive. La denuncia, forte e convinta, arriva dall’Unione Provinciale Albergatori di Savona.

La categoria teme di subire “una sorta di concorrenza sleale”. Perché come spiega Carlo Scrivano, direttore dell’Upa “oltre ad avere, quando sono legali, una fiscalità agevolata, riescono ad evadere, nei casi di attività abusiva, tutto. Anche per i turisti soggiornare in un albergo è sinonimo di certificazione e di qualità del prodotto. Spesso si sceglie la vacanza sul web con offerta da supermercato salvo trovarsi poi amare sorprese una volta arrivati a destinazione”.

Il problema dell’abusivismo non è del singolo, ma è un “sistema” che ora sembra proliferare a dismisura. E così l’Unione degli albergatori parla di “concorrenza sleale” e di “violazione delle norme per la sicurezza pubblica. Chi non è in regola sfugge al mercato, non paga le tasse e non offre alcuna garanzia al turista e causa danni anche per la stessa immagine del territorio. Tale situazione – sottolinea Scrivano – comporta evidenti e notevoli danni economici sia come danno emergente che come lucro cessante”.

E poi ecco puntare l’indice verso i controlli. “Si chiede tutela per la categoria oltre che per l’immagine dell’intero comparto turistico che è calpestata dagli avventurieri di turno. Gli albergatori pagano le tasse e sono regolamentati con norme severe e questo il turista non deve dimenticarlo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo Bonora

    Paolo Bonora, caro Carlo non hai certamente torto.Voglio segnalarti anche un altro fenomeno, che a Savona, ha preso campo.Si tratta di ristoranti “in casa” dove impiegati ecc. vanno mangiano,pagano il tutto in nero, nerissimo.Poi vanno a rompere ai negozi per un paio di collant senza scontrino o un pezzo di focaccia, venduta di fronte alla scuola, ma senza lo scontrino.Anche questa è una cosa che non va, saluti.

  2. pinco
    Scritto da pinco

    Ma cosa stai dicendo Scrivano???? Ma con che criterio rilasci certe affermazioni , ovviamente di lobby…?
    L’offerta alberghiera ligure è da terzo mondo.
    Alberghi con stelle finte assegnate per “cortesia”, mancanz adi servizi adeguati, parcheggi, addirittura ASCENSORI, … camere squllide senza le cose essenziali e aree comuni inesistenti ocn le superfici iper-sfruttate, …per forza! …QUasndo per DECENNI a fine stagione INVEC EDI INVESTIRE NELLL’ATTIVITA’ CI SI FICCANO I SOLDI NELLA TASCA IL MINIMO CHE PUO’ SUCCDERE E’ DI RESTARE INDIETRO.
    Ancor adi grazia che ci sopno privati che fanno i B&B che và a finir ehce offrono ancora più servizi degli alberghi che tu difendi… Adesso vi attaccate ai B&B e affittacamere per esentarvi dalle repsonsabilità ..?