IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Toirano, anche nel 2015 niente Gunbi: per sostituire la “Cucina del Marchese” servono 70 mila euro

Nemmeno quest'anno potrà essere allestita la cucina mobile che serve la maggior parte dei piatti della festa

Toirano. Ancora “Gunbi No”. Anche per quest’anno la tradizionale “festa dei frantoi” che per trent’anni ha animato l’estate del centro storico di Toirano attirando decine di migliaia di turisti e visitatori non verrà organizzata.

gunbi

La questione è nota: la cucina che sforna la maggior parte dei piatti preparati in occasione della festa si trova all’interno del Parco del Marchese, che è un parco monumentale. In esso, pertanto, non possono trovare spazio strutture mobili come quella adibita a preparare le deliziose specialità dei “Gunbi”. Ciò nonstante l’impegno dell’amministrazione di Silvano Tabò e di quella dell’attuale sindaco Gianfranca Lionetti, che hanno cercato di mediare con tutte le istituzioni coinvolte nel rilascio di questo genere di permessi.

Le difficoltà sono sicuramente oggettive – ribadisce il primo cittadino toiranese – Non possiamo utilizzare il parco del Marchese per insediare la cucina mobile, che dovrebbe dare oltre 4 mila pasti per sera, e non abbiamo un’altra località che sia capace di tale ricettività“.

Nemmeno spostare la festa (e soprattutto la cucina) altrove è una soluzione praticabile. In questo caso non si tratta di autorizzazioni o di permessi ma semplicemente di questioni economiche: “L’associazione che organizza i Gunbi ritiene che lanciare un’altra festa con lo stesso marchio e riuscire poi a rispondere alla domande di visitatori sarebbe controproducente. D’altra parte, installare cucine mobili del genere richiederebbe anche un investimento iniziale di oltre 70 mila euro“.

Una cifra non indifferente, che lascerebbe un margine minimo: “Quando si fa una festa del genere – chiosa Gianfranca Lionetti – un minimo di ritorno per la comunità ci dovrebbe essere. In questo caso ci sarebbero più perdite che ricavi”.

Perciò a meno che non  vengano superate le difficoltà burocratiche e non sia organizzata una raccolta fondi per l’allestimento di una nuova cucina a sostituzione di quella del Parco del Marchese, anche per quest’anno i tanti affezionati dovranno fare a meno del tradizionale appuntamento gastronomico di inizio agosto.

Nelle scorse settimane la maggioranza e la minoranza di Toirano (quest’ultima capeggiata dall’ex vice sindaco di Silvano Tabò, Mirko Infantino) si erano lanciate accuse reciproche circa la responsabilità dell’annullamento della festa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.