IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, M5S: “Noi con il procuratore minacciato, il Pd al tavolo con l’azienda e gli indagati”

Savona. Pedinato e minacciato per la sua attività inquirente sulla centrale Tirreno Power: questo ha raccontato il procuratore capo di Savona Francantonio Granero in audizione alla Commissione d’inchiesta sulle ecomafie. “Questa notizia aggiunge un’informazione in più al quadro fosco che si sta delineando intorno alla centrale Tirreno Power di Vado Ligure – affermano Matteo Mantero, Sergio Battelli e Simone Valente, deputati liguri del MoVimento 5 Stelle – Al procuratore Granero, che ringraziamo per il suo lavoro instancabile che lo pone al fianco dei cittadini, va tutto il nostro appoggio e solidarietà”.

“Come sempre ormai accade i cittadini hanno al loro fianco, dalla stessa parte della barricata, la magistratura e non le istituzioni locali che, ricordiamolo, governate da anni dal PD, sono corse a Roma a cercare di trovare l’escamotage per riaprire la centrale – è l’accusa dei 5 Stelle – L’obiettivo non era assicurare il diritto alla vita e alla salute dei cittadini, ma trovare le garanzie richieste da Tirreno Power. Un’azienda che tra l’altro aveva già da tempo intenzione di licenziare i dipendenti mentre li ha presi in giro per anni con il ricatto occupazionale. Il Movimento 5 Stelle è al fianco dei magistrati e dei cittadini e vigilerà affinché sia rispettata l’AIA e non aggirata, come invece vorrebbe il PD”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. pinco
    Scritto da pinco

    Già, piuttosto singolare che non sia stata avviata da lui stesso medesimo un indagine anche su questi gravi fatti, in fondo è il Procuratore Capo.
    A meno che non ci siano altri aspetti in questa vicenda che che per la portata dei suoi effetti è molto delicata e ha fortissime implicazioni politiche (non dimentichiamo il ruolo chiave della Regione nell’AIA e nei controlli attraverso i suoi Enti).

  2. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Ho trovato molto grave che un Procuratore denunci davanti alla Magistratura (perché una commissione d’inchiesta parlamentare ha tale veste)denunci una cosa gravissima ovvero essere stato seguito e minacciato per la vicenda Tirreno Power. Come mai però non ha presentato denuncia? E’ la prima cosa che si fa in questi casi.
    Non mi pare un esempio virtuoso perché incoraggia a non denunciare quando si ricevano minacce ecc.
    A meno che ci siano altri motivi. Boh.