IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Simone Velasco: dal Trofeo Città di Loano alla Strade Bianche

La giovane promessa oggi in azzurro sugli sterrati senesi: nel 2013 vinceva a Loano

Loano. Era il 7 aprile 2013 e un giovane Simone Velasco, al secondo anno tra gli Juniores, regalava spettacolo al Trofeo Città di Loano salendo con i migliori sulle rampe del Gpm di Magliolo, facendo la differenza nella discesa che riconduce verso l’Aurelia e giungendo in solitaria sul traguardo posto, come vuole la tradizione, sul Lungomare di Loano.

“Quella è stata la mia prima vittoria internazionale – ricorda con il il corridore bolognese che quest’oggi tornerà a vestire la maglia della nazionale italiana per prendere parte alla Strade Bianche in programma sugli sterrati senesi -. Il Trofeo Città di Loano è organizzato in maniera impeccabile, qui si respira l’aria del grande evento e, anche per questo, è rimasto nel mio cuore. E’ una corsa molto esigente che permette a tanti ragazzi di mettersi alla prova ma, allo stesso tempo, è aperta a corridori con caratteristiche anche molto diverse tra loro. Poi si corre su di un tracciato molto divertente che propone salite impegnative ma anche discese molto veloci e fu proprio in discesa che quel giorno riuscìi a prendere il largo per giungere in solitaria sul traguardo”.

Il Trofeo Città di Loano, anche il prossimo 29 marzo, tornerà a fare da trampolino di lancio per i sogni degli atleti di maggior talento del panorama internazionale riproponendo il classico tracciato di 121,5 chilometri con la prima parte ondulata lungo il falsopiano che conduce fino a Pieve di Teco, attraverso le splendide strade dell’entroterra savonese, ed il finale di gara decisamente più impegnativo che, dopo il passaggio da Loano, proporrà prima la scalata di Boissano e quindi quella di Magliolo.

Strade affascinanti che sembrano disegnate appositamente per cullare i sogni dei giovani Juniores che giungeranno da tutte le parti d’Europa. “Fa un certo effetto pensare che meno di due anni fa vincevo a Loano e ora sono pronto per affrontare una nuova sfida tra i professionisti. Questo significa che a Loano non si vince per caso e che i sogni si possono realizzare – ribadisce Simone Velasco, che quest’anno veste i colori della Zalf Euromobil Désirée Fior ma che è già sul taccuino di diverse formazioni professionistiche in vista della prossima stagione -. Per me è sempre un onore vestire la maglia della nazionale. Farlo in una grande classica come la Strade Bianche è davvero un piacere; a fine stagione vorrei avere la possibilità di correre i campionati del mondo Under 23: tutto dipende da! me, quindi, come ho fatto a Loano, devo andare forte e conquistare i risultati necessari per guadagnarmi sulla strada questo posto”.

E guardando agli Juniores che domani debutteranno su strada e che anche quest’anno regaleranno spettacolo al Trofeo Città di Loano, aggiunge: “A questi ragazzi auguro di divertirsi come ho fatto io due anni fa. Il risultato in una gara come questa è sempre importante, ma quello che più conta sarà aver dato il massimo per mettersi in luce senza alcun timore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.