IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savonesi all’estero: da Alassio a Phuket, Enzo Miracapillo specializzato in viaggi di salute fotogallery

L'ex stella dell'Alassio Calcio ora è il direttore generale per l'Asia di un'azienda che fornisce assistenza ai "turisti della sanità"

Alassio. Ha lasciato Alassio per Phuket tantissimi anni fa ed è stato uno dei primi ad aver capito che poteva restare lontano dall’Italia per sempre. Ha ingranato la marcia e si è inventato un lavoro. Enzo Miracapillo, ex stella dell’Alassio Calcio, ora è il responsabile di un’azienda che offre assistenza globale, la MedVoyagers Andaman. Un sistema avviato in collaborazione con l’ente per il turismo thailandese e il Phuket Bangkok Hospital. Il suo ruolo, in pratica, è quello che in inglese viene definito “Business Development” dell’intera azienda.

Per l’Asia è il direttore generale.“Si tratta – spiega Enzo Miracapillo, 52 anni – di un’azienda americana che si occupa di turismo medico (la definizione inglese é Medical Tourism Facilitator) ovvero facilita ed agevola il contatto tra le strutture ospedaliere di alcuni Paesi in cui per un motivo per l’altro è possibile accedere ad un servizio medico di alta qualità, con tempi di attesa vicini allo zero e prezzi che sono in media tra il 30 e il 70 % inferiori rispetto ai prezzi europei e nord americani”.

La sua azienda ha un ufficio a Phoenix in Arizona, uno a Singapore, uno a Phuket. “Ma ultimamente – racconta dal suo quartier generale in Thailandia – abbiamo aperto una sede anche nel centro di Milano. Inoltre siamo associati con un’azienda spagnola leader nel campo e qui in Thailandia siamo partner ufficiali del Bangkok Hospital di Phuket , un ospedale che ha ottenuto la certificazione di qualità internazionale (JCI) ed è considerato uno dei migliori ospedali al mondo per la qualità del personale medico e per l’attrezzatura all’avanguardia. Le nazioni leader di questo tipo di turismo che sta prendendo sempre più piede (crescita intorno al 25% annuo) sono la Thailandia, il Messico e l’India. “Tra le emergenti – afferma Miracapillo – direi che possiamo citare la Turchia e il Cile. La Thailandia rispetto alle dirette concorrenti ha però un vantaggio notevole derivante dalla qualità nettamente superiore per le strutture alberghiere e dal livello di criminalità inferiore”.

Il manager alassino spiega anche che oltre a questo tipo di flusso negli ultimi anni ne sta nascendo un altro che si basa su motivazioni diverse.

“Le persone non decidono di farsi curare all’estero perché puntano al risparmio e per la possibilità di abbinare le cure ad una vacanza esotica, ma lo fanno perchè nel loro Paese non ci sono strutture in grado di offrire cure di un livello qualitativo alto. Di conseguenza, trattandosi di persone che hanno una notevole disponibilità finanziaria, vanno a farsi curare in Paesi dove esiste la qualità anche se a prezzi molto alti. La stragrande maggioranza di questo tipo di clientela – sottolinea Miracapillo – arriva dalla Cina e da alcuni Paesi africani (Nigeria in testa) e le maggiori destinazioni sono Italia, Francia, Germania e Stati Uniti”.

Il tipo di cure che dall’altra parte del mondo fanno per così dire la parte del leone sono le cure dentistiche, le staminali, l’oncologia e la chirurgia estetica (seno , borse sotto gli occhi, trapianto dei capelli, liposuzione, naso e fondoschiena al top). “Solo in una settimana il Bangkok Hospital di Phuket ha effettuato 19 trapianti di capelli a persone provenienti dall’estero, mentre si va avanti con una media di 2/3 al giorno di donne, la maggior parte giovani, che si rifanno il seno”, dice Miracapillo. Oltre al supporto nei contatti con le strutture ospedaliere la sua azienda offre anche un servizio vip: dal supporto viaggio (volo , alberghi e trasporti ) ad una svariata serie di servizi personali tipo interprete, sicurezza personale, infermiere specializzate, yacht charter, organizzazione eventi.

A breve sarà attivo un nuovo tipo di servizio dedicato esclusivamente ai disabili e il primo Paese ad usufruirne sarà l’Italia con la possibilità di fare immersioni sulla sedia a rotelle.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.