IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona: successo per l’incontro “Donne del sud del mondo” foto

Savona. Cuore di imprese, integrazione ed economia solidale. Sono questi i tre concetti cardine affrontati nel convegno “Donne del sud del Mondo”, svoltosi questa mattina nella sala Sibilla del Priamar di Savona.

L’evento, postosi come incontro integrante del progetto “Donne del sud del Mondo, cuore di imprese, integrazione ed economia solidale” curata da La Bottega della solidarietà di Savona, ha ribadito non solo l’importanza del ruolo della donna all’interno del mercato del lavoro, ma ne ha portato la viva testimonianza attraverso il video omonimo realizzato dalla sociologa Deborah Erminio, attraverso il quale sono state raccontate le storie di 8 donne migranti che sono riuscite ad integrarsi ed a lanciare una propria attività imprenditoriale nella nostra città.

“Il progetto è nato a Genova – ha spiegato Roberta Greco, presidente della cooperativa La bottega della solidarietà – ed è stato voluto con forza anche perché la maggior parte dei soci della cooperativa sono donne e in un momento di crisi come quello attuale ci è sembrato giusto rilanciare il tema della donna come creatrice di impresa”.

Essendo prossimi alla festa dell’otto marzo, il tema si è dimostrato più che mai di estrema attualità: in una realtà dove si sente sempre più spesso parlare di femminicidio e di violenza sulle donne, il filmato ha voluto abbattere lo stereotipo della donna debole per dare voce ad otto imprenditrici che hanno saputo lanciare la loro attività.

“Le donne negli altri paesi nel mondo stanno meglio di noi – ha commentato Isabella Sorgini,  assessore alla Promozione Sociale, Pubblica Istruzione e Pari Opportunità del Comune di Savona, – sembra paradossale ma, stando ai dati dell’OCSE, l’Italia risulta essere all’ottantesimo posto in tema di condizioni delle donne nel mondo del lavoro. Nel caso delle donne straniere in Italia, la loro presenza nell’impresa ha un valore aggiunto, che deriva dalla concezione culturale che portano con sé dai loro paesi di origine”.

Da un lato si trovano quindici i classici “luoghi comuni”, dall’altro il mondo delle imprese al femminile, che nonostante non sia del tutto conosciuto e metabolizzato, dati alla mano risulta essere uno dei pochi settori che sembra non risentire della crisi e che anzi si pone verso di essa in netta controtendenza.

“Le donne che fanno impresa sono una realtà molto significativa per Savona e la sua provincia – ha affermato Annamaria Torterolo, membro del Comitato per l’Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Savona – sul territorio savonese le imprese a direzione femminile sono circa il 24%, ciò significa che un’impresa su quattro è gestita da una donna”.

L’incontro di oggi, insieme alle testimonianze delle donne presenti nel video, vuole quindi essere un faro di speranza in una quotidianità dove le difficoltà delle lavoratrici sono ancora troppo marcate; la realtà delle cooperative, in particolare quelle sociali, si pone dunque come un inaspettato punto di svolta.

“Le difficoltà della donna nell’inserimento del mercato del lavoro sono all’ordine del giorno – ha dichiarato Grazia Sirombra di Confcooperative – ma il settore delle cooperative è fuori dagli schemi in questo senso: la maggior parte dei soci sono donne e proprio in questo ambito esse trovano terreno fertile per realizzare le loro aspirazioni lavorative”.

“Stanno nascendo, nonostante le difficoltà del momento, cooperative a prevalenza femminile – ha sottolineato Riccardo Viaggi, presidente Confcooperative Imperia-Savona – e sono sempre più una realtà tangibile del mondo cooperativistico”.

“Le prospettive per il futuro vedono queste nuove realtà imprenditoriali in crescita, che nel caso delle donne straniere ha varcato anche i confini dell’integrazione portandole a sentirsi come savonesi a tutti gli effetti, una notizia più che confortante dunque, che assieme ad un ramoscello di mimosa, rappresenta un bellissimo regalo per la festa della donna” concludono gli organizzatori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.