IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona Half Marathon, grande successo per la prima edizione: Ridha Chihaoui e Ornella Ferrara i vincitori fotogallery

Carlo Pogliano e Laura Papagna primi sulla distanza dei 10 chilometri

Savona. “Le nostre strade saranno tue“. Con uno slogan azzeccato, Savona ha catturato l’onda dell’entusiasmo per la corsa, una disciplina che sta coinvolgendo un numero di appassionati sempre crescente.

L’evento è stato lanciato sotto l’egida della Fidal, organizzato dal Comune di Savona, assessorato allo Sport e assessorato allo Sviluppo Economico, e dall’associazione Chicchi di Riso onlus con la collaborazione tecnica della Podistica Savonese.

E la prima edizione ha avuto un immediato successo. Oltre mille i partecipanti che si sono cimentati nelle tre prove della Savona Half Marathon. La maggior parte di essi ha affrontato i 21,097 chilometri della Mezza Maratona di Savona. Un buon numero di atleti al via anche nella Savona Ten K SportArt di 10 chilometri.

Tutti coloro che, non avvezzi all’agonismo, hanno preferito camminare e godersi una passeggiata negli angoli più suggestivi della città senza l’assillo della prestazione cronometrica, hanno potuto partecipare alla Family Run di 6 chilometri.

Gli atleti della gara lunga sono scattati poco dopo le 9,30 dal centro commerciale Le Officine; poco dopo sono partiti i concorrenti della Savona Ten K. Per chiudere, la Family Run. L’arco dell’arrivo era situato in via Paleocapa.

La Mezza Maratona ha visto primeggiare Ridha Chihaoui (Cambiaso Risso Running) in 1 ora 10’59”; secondo Michele Bruzzone (Cambiaso Risso Running) in 1 ora 11’53”; terzo Corrado Bado (Pro San Pietro Sanremo) in 1 ora 14’42”.

Tra le donne successo di Ornella Ferrara (PPM Bovisio Masciago) in 1 ora 20’22”, davanti ad Ilaria Zaccagni (Atletica Palzola), seconda in 1 ora 23’35”, e a Barbara De Angelis, terza in 1 ora 30’07”. Al traguardo sono giunti in 436.

Nella Savona Ten K SportArt Carlo Pogliano (Cambiaso Risso Running) ha preceduto tutti con il tempo di 32’10”; secondo Ghebrehanna Savio (Gruppo Città di Genova) in 32’21”, terzo Mario Prandi (Cambiaso Risso Running) in 34’09”.

La Savona Ten K SportArt femminile è stata vinta da Laura Papagna (Cus Genova) in 36’32”; seconda Emanuela Massa (Cambiaso Risso Running) in 38’03”; terza Federica Beccaria (Trionfo Genova) in 39’37”. Sono arrivati al traguardo 286 podisti.

Clicca qui per consultare le classifiche complete.

Savona Half Marathon non è stata solo corsa, bensì tre giorni di eventi. Le numerose conferenze tecniche all’interno di Palazzo Civico hanno riscosso molto interesse; la zona commerciale dedicata ai prodotti tipici del territorio e street food allestita in via Manzoni è stata frequentatissima. Successo anche per le varie iniziative collaterali, dall’area racchette in piazza Brandale al Turista Protagonista ed il karaoke in piazza, l’apertura del Museo d’Arte di Palazzo Gavotti, fino alla corsa coi tacchi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CBC

    bisognerebbe che oltre alla bella iniziativa e a tutti i bei dipinti che fate, andaste anche a vedere i problemi creati alla viabiltà e a mezza città sequestrata in casa. Senza poi parlare delle a,bulanze che nei servizi urgenti dovevano andare col radar oltre che con le sirene per non investire masse di idioti che non si spostavano neppure se si usavano gli idranti, corsaioli compresi; o ai ritorni delle stesse quando rientravano dal servizio che non riuscivano a passare neppure dai varchi lasciati appositamente( due per tutta savona centro) e che avrebbero dovuto esser costantemente presidiati e invece nn lo erano, col risultato che gli autisti dovevano scendere e aggiustarsi. Poi andate a chiedere ai Vigili o al Comune o a chi si vanta dell’impresa e vi dicono che tutto ha funzionato perfettamente…… avrei voluto vedere se bruciava un palazzo cosa succedeva. Ma al solito, la sicurezza e l’emergenza la si fa a parole.

    1. Scritto da cristiano berretta

      Vedo sempre un bello spirito positivo …..
      Io di idioti ho visto solo gente che si lamenta sempre anche quando non C è da farlo . Soprattutto davanti a una bella giornata dedicata a tutti . Le ambulanze e mezzi di soccorso passano ovunque . Se vuoi andare a fare l aperitivo sotto i portici per una volta ci vai a piedi non in macchina . E magari scopri che a camminare ti godi anche di più il fatto di. In abitare in un posto dove tutti i giorni in macchina non ti puoi muovere per le code .
      Ciaoooo