IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifiuti, a Pietra Ligure differenziata ancora sopra il 65%: in arrivo telecamere mobili contro i trasgressori foto

Nuove iniziative per migliorare ancora la raccolta rifiuti, dalla videosorveglianza alla nuova Stazione Ecologica Mobile

Pietra Ligure. “Il numero definitivo per il 2014 è anche quest’anno superiore al minimo previsto dalla normativa, il 65%”: un annuncio che arriva da Paolo Fontana, consigliere comunale di Pietra Ligure con la delega all’Ambiente. Dall’analisi ed il confronto dei dati rispetto all’anno 2013 emerge che il quantitativo di rifiuti smaltiti in discarica si è assestato, anche nel 2014, a circa 2.750 tonnellate ed il quantitativo totale di raccolta differenziata recuperata intorno alle 8.000 tonnellate. In crescita la raccolta delle principali tipologie di materiali umido, carta, imballaggi in plastica e vetro, in calo il legno ed altre tipologie di rifiuti.

dario valeriani sara vaggi

Pietra si conferma, dunque, comune “riciclone” attestandosi al di sopra della fatidica soglia del 65%: l’obiettivo, adesso, è migliorarsi. “Quella percentuale non è il nostro punto di arrivo – conferma Fontana – ma il punto di partenza, convinti di poter ancora migliorare i nostri dati”. Diverse le strade da seguire, a partire dalle sanzioni per arrivare ad una prima sperimentazione della raccolta porta a porta (che potrebbe iniziare dal prossimo autunno in alcune vie pietresi).

Se il secondo, a giudizio di Fontana, “è ancora prematuro, anche se è una questione che vogliamo assolutamente approfondire” (ed in effetti si parla di un primo test in alcune vie selezionate a partire dal prossimo autunno), quello delle sanzioni invece è uno strumento ampiamente usato. “Ce ne sono già state veramente tante – ammette il consigliere – a partire dall’estate scorsa sono stati molti sia i controlli della polizia municipale che le contravvenzioni. E vogliamo proseguire per tutta l’estate, sperando che le sanzioni siano sempre di meno”. E per un monitoraggio più efficace, a Pietra sono in arrivo telecamere mobili, pronte a cogliere in flagrante i trasgressori.

Ma la strada verso il corretto smaltimento dei rifiuti passa anche attraverso iniziative collaterali, come la nuova Stazione Ecologica Mobile o il progetto di raccolta degli oli combustibili esausti con le scuole. Nel primo caso l’idea, spiega la presidente di Ata Sara Vaggi, è quella di “agevolare i cittadini che a volte lasciano in maniera non legale i rifiuti ingombranti, dai materassi ai frigoriferi ma anche i rifiuti pericolosi come i RAEE (rifiuti elettronici)”: da oggi i pietresi avranno la possibilità, per due sabati al mese, di conferire in una stazione ecologica mobile questo tipo di rifiuti.

Con la stazione ecologica mobile (SEM), quindi, i cittadini ed i turisti potranno conferire gli ingombranti ed i rifiuti pericolosi presso un veicolo della ditta ATA, opportunamente contrassegnato, posizionato sul territorio comunale per alcune ore con le seguenti periodicità: il 1° sabato del mese presso piazzale Einaudi (Palazzetto dello Sport) dalle ore 15.30 alle 17.30; il 3° sabato del mese presso Piazza Gramsci (Stazione) dalle ore 10:00 alle 12:00.

Un’iniziativa, continua Vaggi, che permetterà anche di evitare scenari “che non contribuiscono ad un buon biglietto da visita per una città turistica come Pietra Ligure”. Un paese, conclude, “che ha già raggiunto risultati importanti ma che può ancora migliorare, grazie a questo tipo di iniziative”.

Con il servizio di raccolta dell’olio vegetale presso le scuole comunali, invece, gli alunni e le loro famiglie potranno conferire gli oli vegetali di frittura in contenitori posizionati presso ciascuna scuola. L’amministrazione comunale, inoltre, ha deciso di regalare ad ogni alunno un imbuto in plastica riciclata da utilizzare per riempire una bottiglia, favorendo inoltre il riutilizzo dei materiali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.