IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Riconversione aree Piaggio, Frascherelli incontra Regione e Soprintendenza: “Dobbiamo fare tabula rasa” video

Il sindaco: "Si è trattato del primo di una serie di tavoli successivi che vedranno la partecipazione di tutti gli enti coinvolti, da Anas alle Fs"

Finale Ligure. “Dobbiamo fare tabula rasa e ricominciare tutto daccapo. Sarà un percorso lungo e laborioso”. E il primo passo di questo percorso, che porterà alla ridefinizione del progetto per la riconversione delle ex aree Piaggio di Finale Ligure, è stato fatto oggi.

Questo pomeriggio, infatti, il sindaco di Finale Ugo Frascherelli si è recato in Regione insieme all’assessore all’urbanistica Marinella Orso per incontrare i tecnici della regionali e quelli e della Soprintendenza e cominciare a rivedere le linee generali del piano di trasformazione degli spazi che prima erano occupati dallo stabilimento industriale che ora si è trasferito a Villanova d’Albenga.

Di concreto non è stato deciso nulla, come precisa anche il primo cittadino: “E’ stato principalmente un incontro tecnico, non politico – spiega Frascherelli – Si è trattato del primo di una serie di tavoli successivi che vedranno la partecipazione di tutti gli enti coinvolti, da Anas alle Fs. Sarà un iter molto lungo e complicato, dovremo rivedere tanti aspetti del vecchio progetto”.

Frascherelli promette la massima trasparenza durante la stesura del nuovo progetto, che dovrebbe avere contenuti volumetrici ben più ridotti, lasciando più spazi liberi in superficie: “Si tratta di un’operazione che per Finale Ligure ha una grande rilevanza, quindi la cittadinanza sarà sicuramente coinvolta“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gogo

    va bene che le palanche sono le palanche ma con un progetto cosi si SNATURA quel poco che resta della bellezza del borgo…
    un po’ di buon gusto e di senso del paesaggio gli architetti e i proprietari proprio non l’hanno??
    Magari costruire meno, SECONDO IL GUSTO E LO STILE LIGURE.. e fare pagare un po’ più la seconda casa di chi può permettersela… …
    inoltre cosi arriverà un turismo (si spera) un po’ più d’elite… che spende sul territorio..