IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pediatria Santa Corona, ad aprile manifestazione di piazza foto video

Pietra Ligure. Dopo la raccolta firme, ecco la manifestazione di piazza. Ai primi di aprile (la data è ancora da definire) i membri del comitato civico “Tuteliamo Borghetto” e tutti gli altri gruppi e associazioni che hanno aderito alla petizione per il potenziamento della pediatria del Santa Corona di Pietra Ligure si uniranno per una protesta pacifica che dovrebbe tenersi nei pressi del nosocomio pietrese.

La questione è ben nota: “Dopo un periodo di osservazione breve (24 ore), se i bambini necessitano di essere trattenuti per il ricovero, vengono trasferiti al San Paolo di Savona. A parte il disagio del trasferimento ed il fatto che il reparto di pediatria di Savona ha un indice di occupazione del 150 per cento, appare inconcepibile come si possa pensare di chiudere il reparto di pediatria adiacente il pronto soccorso pediatrico di un ospedale che è stato confermato dal consiglio regionale come Dea di 2^ livello. Senza contare che tale reparto è composto da medici ed infermieri altamente qualificati. In più bisogna tenere conto del fatto che se a Savona non vi è posto, i bambini vengono trasferiti al Gaslini di Genova (se non necessario al 100 per cento il trasferimento è dispendioso e scomodo per i genitori). Ciò comporta costi aggiuntivi per i trasporti che necessitano della presenza in ambulanza di medico e infermiere, e addirittura a volte vengono effettuati con l’elicottero”.

Da qui la decisione del comitato civico “Tuteliamo Borghetto” e dei “Cittadini Attivi Loanesi” di organizzare una raccolta firme per chiedere il potenziamento del reparto. L’iniziativa è partita da Borghetto e Loano ma in breve ha trovato sostenitori in tantissimi altri comuni del ponente savonese (come Ceriale, Tovo, Toirano, Boissano, Pietra, Finale e Andora) e addirittura della Valbormida (Bardineto e Calizzano su tutti). Il totale delle firme di persone preoccupate per la funzionalità del reparto del nosocomio pietrese supera le tremila unità.

Che però potrebbero essere inutili. Giorni fa il direttore generale di Asl Flavio Neirotti aveva messo in dubbio l’utilità della petizione specificando come i giochi fossero ormai “fatti” e non ci fosse possibilità di tornare indietro: “La pediatria non è mai andata via e non andrà mai via da Santa Corona – confermava Neirotti – E’ un ospedale che è un Dea di 2^ livello, quindi è previsto che ci sia, c’è e ci rimarrà. Chi raccoglie le firme fa bene. E’ sempre importante essere solidali, è sempre bello avere qualcuno che lotta per i diritti (e soprattutto nel campo della salute). Ma non cambierà nulla”.

I comitati, però, non si arrendono: “La petizione per ripristinare l’apertura h24 dell’emodinamica del Santa Corona aveva dato in suoi frutti. Noi non ci fermiamo. Sommergeremo Als e Regione di firme. Dovranno ascoltarci per forza”.

Già pronto lo slogan della manifestazione di aprile: “Ci hanno tolto i sogni, ma almeno la sanità esigiamo che non ci venga tolta“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da raffaele de crescenzo

    Ammiro i gruppi che stanno conducendo l’iniziativa delle firme per salvare il reparto. Ma rimango sempre della stessa idea: facciamo vedere i denti a sti quattro polituncoli da strapazzo. E facciamolo prima che sia troppo tardi. Non permettiamo loro di compiere lo stesso scempio portato avanti con la deaziendalizzazione di santa Corona. Ai vari M….., M……. B………ecc ( non posso scrivere nomi perchè è loro interesse querelare il primo cittadino che si permette di dire la verità in maniera da insabbiare il vero obiettivo! Ma qualcuno ricorderà la manifestazione che facemmo per salvare l’Azienda Santa Corona. Cantavamo……. Ci manca il verme!)dico: se avete una coscienza usatela e smettetela di distruggere la sanità nel Ponente savonese a beneficio di località che sono di sicuro più appetibili come voti e che quindi convengono a voi polituncoli ” disinteressati e che agite per il bene del Ponente”ma danneggiano il popolo qua residente