IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nel savonese il 24,8% di imprese femminili, 22° posto nella graduatoria nazionale

Savona. L’imprenditoria femminile in Liguria conta 36.170 imprese a fine 2014 e il suo peso sull’intero tessuto imprenditoriale è pari al 22,1%, superiore di mezzo punto percentuale al valore medio nazionale. Così il focus realizzato da Unioncamere sulle imprese rosa.

Si tratta di un fenomeno che sta crescendo soprattutto negli ultimi anni, tanto che nella nostra regione quasi 3 imprese “rosa” su cinque hanno meno di quindici anni: le aziende guidate da donne iscritte nel Registro delle imprese dal 2000 al 2009 sono 12.464 e incidono per il 21,9% sul totale delle imprese, mentre le 10.342 nate negli ultimi 4 anni vedono aumentare al 25,6% il loro peso sul complesso delle aziende loro coetanee.

Il tasso di femminilizzazione, ossia l’incidenza delle imprenditrici nel tessuto produttivo, raggiunge punte molto più elevate rispetto alla media in alcuni specifici settori quali i servizi alla persona (55,7%), la sanità e l’assistenza sociale (38,3%), le attività agricole (36,4%) e la filiera turistica (30,7%).

Numericamente le imprese femminili sono maggiormente presenti in provincia di Genova, dove rappresentano il 47,5% del totale regionale, ma la classifica si ribalta se prendiamo in considerazione l’incidenza delle imprenditrici sul totale delle imprese: la “medaglia d’oro” spetta a La Spezia con più di un’impresa femminile su quattro (25,3%), seguita da Savona (24,8%, con un totale di 7.635 imprese), Imperia (23,9%) e infine Genova (19,9%).

Nella graduatoria nazionale per tasso di femminilizzazione, al primo posto figura Benevento con il 30,5% e fanalino di coda è Milano con il 16,5%: La Spezia si posiziona al 19° posto, Savona al 22°, Imperia al 31° e Genova all’87° posto.

La maggioranza di donne imprenditrici sceglie la forma giuridica individuale, che costituisce il 64,7% delle imprese rosa contro il 54,1% della base imprenditoriale complessiva. Seguono le forme organizzative più complesse: le società di capitale rappresentano il 12,8% delle imprese femminili (18,8% per il totale delle imprese) e le società di persone il 20,6% contro il 24,2% del totale.

Quasi una imprenditrice ligure su 10 parla straniero: complessivamente sono 3.385, di cui il 73% di nazionalità extraeuropea, e rappresentano il 2,8% del totale delle imprese femminili straniere in Italia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.