IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nel calcio dilettantistico di Carparelli e del super FC Alassio, a Murialdo “regna” bomber Bianco

Murialdo. Il calcio è passione. Uno slogan usato ed abusato nel mondo pallonaro. Ma come potrebbe essere diversamente in Terza Categoria?

In questa stagione, il calcio dilettantistico ha conosciuto una grandezza inusitata. La Seconda Categoria si gode i gol e le prodezze di un campione come Marco Carparelli. In Terza, invece, il FC Alassio “stellare” di Vincenzi e Di Latte sta riscrivendo i record delle categorie.

In tutto questo un piccolo spazio se l’è ritagliato anche Michele Bianco, venticinquenne giocatore del Murialdo. Nella vita di tutti i giorni studia per diventare fisioterapista ma, poi, come tanti ragazzi, indossa le scarpette e via, in campo.

E quest’anno il campo l’ha premiato visto che il Murialdo è nelle zone alte della classifica anche grazie ai suoi gol con ben 14 reti realizzati in 16 gare: uno score da grande attaccante.

“Beh che dire – esordisce Bianco – Con il nostro nuovo sistema di gioco e con il grande lavoro della squadra che gioca un ottimo calcio (sfatiamo il luogo comune della terza categoria ‘palla lunga e pedalare’), sto disputando molto probabilmente la mia miglior stagione calcistica”.

Una carriera vissuta quasi interamente nel calcio cosiddetto ‘minore’: “Gioco a Murialdo da una vita. Ho iniziato all’età di 6-7 anni dando i miei primi calci a Calizzano con i miei amici e, poi, la grande passione mi ha spinto a continuare”.

“Dopo aver fatto parte per anni del settore giovanile del Murialdo, ho giocato in Prima Categoria nel 2007-2008 con mister Ezio Badano: un anno molto importante al fianco di giocatori molto forti ed esperti. Dal 2008, poi, tranne una piccola ‘pausa’ nel 2010-2011, ho giocato sempre a Murialdo”, racconta il ‘bomber’.

E a Murialdo, quest’anno, le soddisfazioni non mancano visto che la squadra valbormidese è lanciata verso i play off con il sogno di potersi misurare nella categoria superiore accarezzata dal Murialdo, per una sola stagione, nel 2012-2013.

“Ci sono stati periodi calcistici difficili in cui non abbiamo ottenuto risultati soddisfacenti – dice con franchezza Bianco – Ora, però, abbiamo di nuovo la possibilità di puntare alla promozione, grazie ad un ottimo lavoro di tutte le ‘componenti’.

La società sta facendo di tutto per metterci nelle condizioni di allenarci e giocare ogni settimana nonostante il maltempo di questi ultimi mesi.

Noi giocatori stiamo dando il massimo anche senza alcuni giocatori importanti persi per infortunio come Olivieri, Ivaldo e Bolla sotto la guida di Mister Croci e del suo vice Castello che ringrazio per la fiducia che mi hanno dato”.

Un Murialdo che non è ancora pago e guarda già agli impegni futuri immediati: “Ci aspettano ancora 5 partite molto dure con i due derby valbormidesi – elenca Bianco – Andremo in trasferta a Carcare e, poi, ospiteremo il Cengio. Lì ci giocheremo tutto.

Vogliamo che i sacrifici di tutta la società siano ripagati a dovere. Sarebbe bello metterci in gioco in seconda categoria l’anno prossimo”, conclude l’attaccante valbormidese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.