IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Moda, musica e arte a Cengio: e Palazzo Rosso si trasforma in passerella foto

Cengio. “La bellezza salverà il mondo… forse anche Cengio”. Il consigliere con delega alla Cultura Daniela Olivieri chiude così, prendendo a prestito le parole di Dostoevskij, lo strepitoso evento di sabato scorso in Palazzo Rosso: “E…vento di primavera”, una serata di moda, musica e arte, un mix ben dosato di eleganza, grazia, suoni, colori, luci.

“Frutto di una concatenazione di amicizie artistiche animate dall’entusiasmo e dalla passione per la propria attività creativa nei diversi campi dell’arte, l’evento è davvero stato per Cengio un’occasione di bellezza – commenta Olivieri- Ad essa ha certamente contribuito il fascino di un quasi centenario Palazzo Rosso, storico luogo di ritrovo per il paese che sta riacquistando la sua funzione sociale grazie ad una meticolosa e sensibile politica culturale dell’amministrazione”.

Così, lungo il foyer del piano nobile, si è stesa la passerella rossa e subito il locale si è trasformato in un teatro per la moda e alla moda. La prima performance artistica della danzatrice Antonella Benelli lungo quel percorso ha interpretato una nascita, dal “ventre” del teatro fino al fondo del corridoio: un crescendo di respiri, sguardi, stupore, scoperte, gioia di vivere, con il solo ritmico battito del cuore come sottofondo sonoro: un omaggio alla rinascita della primavera, un augurio per Cengio.

E poi la sfilata della collezione primavera/estate 2015 dell’atelier Due Mosche Bianche di Albissola Marina: davanti agli occhi di spettatori estasiati l’arte in movimento, con acconciature-sculture e abiti preziosi dal taglio sartoriale.

La serata è proseguita nel teatro, con la performance di luci e colori dell’artista savonese Gianni Bacino e con il concerto di Andrea Celeste accompagnata dalla chitarra di Massimo Trigona; di nuovo le modelle, come quadri viventi sul palco. Un nutrito parterre di fotografi “professionisti e non” ha immortalato la fugace bellezza, nutrimento indispensabile per l’anima, catturando in un click il significato di questo evento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.