IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Inchiesta spese pazze, Fusco e Scialfa si difendono davanti al gup: “Convinti fosse la prassi”

Genova. Al giudice hanno detto di aver utilizzato il denaro secondo quanto la legge consentiva, nella consapevolezza che la prassi fosse quella e che gli organismi di controllo non avevano mai eccepito nulla.

Così hanno risposto al giudice per le indagini preliminari l’ex vicepresidente del consiglio regionale Nicolò Scialfa e Marylin Fusco, anche lei ex vicepresidente ed ex consigliere regionale, entrambi ex Idv, indagati, insieme ad altri quattro ex esponenti di Idv. L’inchiesta riguarda le “spese pazze” compiute dal maggio 2010 al dicembre 2012. Secondo l’ accusa avrebbero usato fondi pubblici per acquisti personali come libri scolastici, slip, cibo per gatti, costose bottiglie di vino francese e viaggi.

Il gup Ferdinando Baldini deve decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio presentata dal pm Nicola Piacente anche per l’ex tesoriere del gruppo Giorgio De Lucchi e per l’ex deputato Giovanni Paladini. Per tutti l’ipotesi di reato è peculato. Per un solo caso di presunto peculato che De Lucchi avrebbe compiuto in concorso con Scialfa, il pm aveva chiesto il rinvio a giudizio contestandogli, in alternativa al peculato, l’ipotesi di appropriazione indebita e chiedendo il proscioglimento per Scialfa per quell’ipotesi di peculato.

Oggi De Lucchi ha respinto le accuse di appropriazione indebita sostenendo di avere sempre agito correttamente. L’udienza e’ stata rinviata al 13 aprile quando il gup potrebbe anche decidere per altri due ex Idv, gli ex consiglieri regionali Maruska Piredda e Stefano Quaini che hanno scelto il processo con rito abbreviato. Il pm aveva chiesto 2 anni e 2 mesi ciascuno per l’ipotesi di peculato mentre aveva chiesto l’assoluzione per alcuni episodi di falso materiale. Oggi per loro hanno parlato i difensori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roy

    Hanno pienamente ragione questi due poverini……la prassi e’ quella di usare i soldi degli altri per i propri acquisti…..tutto nella norma del decalogo del politico!! Al rogo!!