IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il giorno che Abbondanza spedì un paio di mutande rosse a Fotia foto

Savona. “Qualcuno in mutande c’è già finito… altri sono già al fresco… ora un pensiero per voi certi che il 2012 D.I.A. finalmente giustizia… e che qualcuno resterà in mutande!!!”. Un bigliettino firmato Ufficio di Presidenza Casa della Legalità, arrivato nei primi giorni del 2012 a Pietro Fotia a corredo di un paio di mutande rosse con stampata la parola “Sorpresa”.

mutande fotia

Una lingerie e un augurio di capodanno quantomeno singolari, che Fotia, a distanza di anni, ancora conserva. E che oggi sbandiera davanti ai cronisti per chiarire la sua opinione su Christian Abbondanza, il presidente della Casa Della Legalità.

A parlare è l’avvocato, Pino Mammoliti: “Parliamo di un soggetto pluripregiudicato, con sentenze di condanna passate in via definitiva sia per bancarotta fraudolenta sia per diffamazione. La lotta alla criminalità organizzata, che va sostenuta e incoraggiata da chiunque abbia a cuore il futuro delle nuove generazioni, va alimentata e si deve nutrire di elementi sani e certi, non certo diffondendo la cultura del sospetto”.

Mentre Abbondanza sarebbe “un sedicente giornalista, un personaggio un po’ singolare” che in diverse occasioni ha rilasciato dichiarazioni “per fomentare una sorta di odio sociale nei confronti della famiglia Fotia”. “E’ strano anche che pur non essendo parte interessata disponga di atti che dovrebbero rimanere secretati – insiste l’avvocato – Una cosa strana e perversa, come l’invio di un paio di mutande per dire ‘rimarrai in mutande’”.

Capisco che ognuno può avere devianze mentali, ma non possiamo rendere ridicola l’azione di contrasto alla criminalità organizzata – continua ancora l’avvocato – E’ una questione seria, ci sono giornalisti seri che l’hanno fatto e la stanno facendo: qualcuno purtroppo ha perso la vita, altri vivono sotto scorta in Calabria come Michele Albanese o Ilario Filippone… giornalisti che sono in prima linea in questa lotta, e non hanno mai pensato di spedire un paio di mutande”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.