IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Eurovespa, Simone Sciutteri è tornato a casa: “Il sostegno dei cellesi carburante in più” fotogallery video

Celle Ligure. Simone Sciutteri è tornato a casa. Dopo aver percorso 14 mila chilometri e aver battuto il guinness dei primati per il “Longest Journey on a 50cc” in sella alla sua Vespa Peyton, dopo aver visitato il museo Piaggio di Pontedera, oggi pomeriggio il centauro giramondo ha chiuso il cerchio del suo tour Eurovespa rientrando nella sua Celle Ligure. 

sciutteri guinnes vespa

Ad accoglierlo una piccola cerimonia, curata dai delegati alle politiche giovanili Elisa Damele e Jacopo Abate, per consegnare a Sciutteri un premio (un piatto in ceramica realizzato da Andrea Mannuzza). Ad attendere Simone e Peyton c’era il Vespa Club di Varazze e l’amministrazione comunale.

“Ringrazio Simone a nome dell’amministrazione – ha detto il primo cittadino Renato Zunino – In questi quattro mesi ha portato il nome di Celle in giro per l’Europa. Non è stato un viaggio facile (ci siamo sentiti via Facebook e mi ha tenuto costantemente aggiornato sulle sue avventure), soprattutto perché fatto in un momento dell’anno non particolarmente buono dal punto di vista climatico. Ma ora Simone è tornato a Celle e va accolto e ringraziato come merita”.

“Non mi aspettavo tanta gente – ha commentato Sciutteri, circondato da una grande folla di amici e compaesani – Ad un certo punto, quando nel nord Europa le cose si sono fatte complicate, è scattato qualcosa che non mi aspettavo. Sapere che c’era qualcuno che da casa seguiva il viaggio o ricevere messaggi (alcuni mi hanno detto: “Sapevo che eri matto ma non pensavo così tanto” o “Tieni duro, vai avanti, ti aspettiamo a Celle”) è stato un carburante in più. Tra tutte le cose belle di questo viaggio, che è partito per gioco, questa era quella che mi aspettavo meno e che mi ha colpito di più”.

E’ l’ora dei ringraziamenti: “Ringrazio chi mi ha aiutato nella preparazione, nella messa a punto della moto, chi mi ha ospitato e chi mi ha aiutato durante il viaggio. Ma ci tengo anche e soprattutto a ringraziare i cellesi e chi mi ha mandato anche solo un messaggio o ha fatto un commento sui social network. E’ stato veramente importante”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.