IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Discariche a cielo aperto, seconda puntata: Albenga, il Centa fotogallery video

Segnalazione di un lettore: le sponde del fiume utilizzate come "cestino"

Più informazioni su

Albenga. Sulla scia del reportage di IVG, pubblicato lo scorso venerdì, in merito a numerose discariche “a cielo aperto” sulle alture di Savona tra Santuario e Naso di Gatto, iniziano a fioccare le segnalazioni di situazioni simili in altre zone della provincia. Un malcostume a quanto pare molto diffuso, dato che in redazione giungono immagini dai comuni più disparati.

Quelle che seguono sono fotografie scattate sulle sponde del fiume Centa di Albenga, in vari punti dalla Croce Bianca fino al ponte ferroviario. “Questo è lo spettacolo indecente e allucinante a cui ho assistito, su segnalazione di un mio caro amico – scrive il lettore che le ha inviate alla redazione – All’altezza delle panchine del marciapiede, individui non identificati e assolutamente incivili si nutrono, bevono, fumano e incuranti delle leggi gettano i loro rifiuti sulla riva del nostro povero fiume“.

Una situazione non così diversa da quella registrata sopra il Santuario di Savona: lì alcune persone hanno preso l’abitudine di utilizzare i boschi e le sponde del Letimbro accessibili dal ciglio della strada come discariche di rifiuti ingombranti. Ad Albenga invece evidentemente le rive del Centa sono il “cestino” più rapido da raggiungere: facce diverse di una stessa medaglia, la scarsa civiltà ed educazione.

“Questi sono i drammatici risultati documentati dalle mie foto – continua il lettore – una situazione incresciosa e assurda. Chiedo alle autorità del Comune di Albenga un pronto intervento e sanzioni pesanti per chi ha sporcato in maniera indegna il nostro fiume”.

La battaglia però è ben più complessa: da estirpare ci sono le cattive abitudini che non vogliono morire, nonostante gli appelli sempre più pressanti a salvaguardare l’ambiente. E in alcuni casi le contromisure, come la raccolta differenziata, diventano addirittura la “scusa” per incrementare i comportamenti scorretti.

Siete a conoscenza di situazioni simili? Vi invitiamo a documentarle e inviare i vostri scatti o video a comunicati@ivg.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    E’ vero, nei pressi della P.A. a lato monte del ponte è una vera schifezza e vergogna.
    Individui che regolarmente stazionano sul muro di sponda buttano giù di tutto.
    SI E’ MAI VISTO UN VIGILE PASSARE DA LI’ ? E SE PASSA NON VEDE NIENTE ?.
    Basterebbe una semplice cancellata grigliata posta sul filo muretto per evitare ciò oltre a che impedire a questi individui di raggrupparsi probabilmente anche per spacciare

  2. Scritto da protestaligure

    I cittadini albenganesi ringraziano i governanti di albenga attuali e precedenti per i marocchini ,zingari fatti venire e colpevoli di questo scandalo .Facciano il mesa culpa