IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglio regionale: sì alla “cura dimagrante” per Assemblea, Ufficio di presidenza e Commissioni

Regione. All’unanimità sono state approvate le modifiche al regolamento interno del Consiglio regionale. Le modifiche entrano in vigore dalla prossima legislatura. Innanzitutto si prende atto della nuova composizione del Consiglio, che sarà formato da 30 consiglieri invece degli attuali 40 e che avrà un Ufficio di presidenza composto solamente da un presidente, un vice e un segretario: tre membri invece degli attuali cinque.

L’elezione del presidente e del vice avverranno in un’unica votazione garantendo la rappresentanza delle minoranze nell’organo di “governo” dell’Assemblea regionale. Le eventuali dimissioni del presidente o del vicepresidente comporteranno la decadenza anche dell’altra carica. Fra i poteri del presidente anche quello di sciogliere il Consiglio in caso di approvazione della mozione di sfiducia e di annullamento delle elezioni.

Il vice presidente del Consiglio, invece, dovrà collaborare con il presidente, sostituirlo in caso di assenza, esercitare le funzioni delegategli. Il segretario del Consiglio regionale dovrà contribuire ad assicurare il regolare svolgimento delle sedute curando: i servizi interni, la regolarità e il mantenimento dell’ordine durante le sedute e le operazioni di voto, la correttezza dei verbali e dei resoconti degli atti consiliari.

L’Ufficio di presidenza del Consiglio potrà autorizzare la costituzione di gruppi formati anche da un solo consigliere che risultino così composti già all’esito delle elezioni o che, costituitisi all’esito delle elezioni, si siano ridotti nel corso della legislatura ad un unico componente.

Il nuovo Consiglio che nascerà fra pochi mesi vedrà ridotte di numero anche le commissioni consiliari che dalle attuali otto diventano cinque. Queste le loro competenze. I, Affari generali e bilancio; II, Salute e sicurezza sociale; III, Attività produttive, cultura, formazione e lavoro; IV, Territorio e ambiente; V, Controlli, verifica attuazione delle leggi, pari opportunità.

La presidenza della V Commissione (Controlli) verrà attribuita a un rappresentante delle minoranze e avrà il compito di promuovere e verificare la trasparenza dell’azione regionale, avanzare proposte per l’affermazione e la tutela della parità giuridica, sociale ed economica tra uomo e donna; esprimere pareri sui progetti all’esame delle altre Commissioni, verificare l’efficacia delle leggi regionali. Le Commissioni si riuniscono in sede referente per l’esame delle questioni sulle quali devono riferire all’Assemblea; in sede consultiva, per esprimere pareri e in sede redigente per la formulazione di articoli di legge, riservando al Consiglio l’approvazione finale del progetto. Esse si riuniscono, inoltre, per ascoltare e discutere comunicazioni della Giunta, nonché per esercitare le funzioni di indirizzo e di controllo attraverso apposite relazioni e proposte al Consiglio regionale. Le relazioni delle Commissioni sono trasmesse per via telematica evitando così la stampa di corposi documenti.

Fra gli articoli del nuovo regolamento uno riguarda i consiglieri che dichiarino di non partecipare a una votazione. Essi potranno assentarsi o rimanere in Aula ma, in ogni caso, non saranno computati agli effetti della determinazione del numero legale.

Qualora il consigliere che ha presentato un’interrogazione non sia presente in aula al momento della presentazione (escluso il caso che sia in congedo) l’interrogazione decade; se non è in aula l’assessore che deve rispondere, questi è obbligato a fornire risposta entro i sette giorni successivi.

I progetti di legge che hanno ricadute di natura finanziaria saranno licenziati dalla Commissione competente nel merito corredati da una scheda tecnica in cui verranno indicati i mezzi per far fronte alle nuove o maggiori spese o alle minori entrate, i dati e i metodi utilizzati per la quantificazione degli oneri e le loro fonti, nonché ogni utile elemento a dimostrazione della verifica tecnica effettuata in sede di esame istruttorio da parte della Commissione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.