IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cengio, bagarre in consiglio. Melgrati (FI): “Sindaco ha staccato l’audio mentre parlava la minoranza. Gesto inaccettabile”

Cengio. “Il comportamento del sindaco e della giunta è inaccettabile e illiberale: il primo cittadino ha chiuso la seduta mentre un consigliere di opposizione stava parlando”.

A dirlo è il capogruppo di Forza Italia in Regione Marco Melgrati, che ieri sera ha partecipato come uditore al consiglio comunale di Cengio che doveva discutere del crollo della scuola per il quale lo stesso esponente forzista aveva presentato una interrogazione in Regione.

“Ieri sera ho assistito alla morte della democrazia – dice Melgrati – La seduta alla quale ho assistito era il naturale proseguimento del consiglio comunale dell’11 febbraio scorso per dare voce ai cittadini sulle problematiche scolastiche dopo il crollo strutturale avvenuto nella scuola primaria ‘Colombardo’ Un fatto gravissimo. La seduta mi ha lasciato sbigottito. All’ordine del giorno la richiesta della minoranza per la trattazione di vari punti: il servizio associato di polizia municipale e l’organizzazione di pubblici servizi, con l’aggiunta dei punti riguardanti l’affidamento del servizio idrico integrato e atto di indirizzo per l’impianto di un pioppeto. In realtà la maggior parte del consiglio si è svolto principalmente attorno alla trattazione degli argomenti richiesti dalla maggioranza”.

Continua Melgrati: “Il clima in aula si è ravvivato durante la discussione sul servizio di polizia, con schermaglie tra il capogruppo di minoranza Dotta e la giunta, ma è diventato incandescente durante le argomentazioni sui servizi pubblici, in cui Dotta ha accusato il sindaco di non aver fatto nulla per mantenere l’ufficio postale anche a Cengio Genepro, dopo lo spostamento dello stesso Cengio capoluogo. Ancora più accesa la discussione quando Dotta, constatata la mancanza di incisività da parte del sindaco ad affrontare tale problematica, ha chiesto allo stesso l’autorizzazione a trattare direttamente con i responsabili delle poste per tentare di arrivare ad una conclusione positiva della vicenda. Autorizzazione negata dal sindaco”.

Commenta ancora il consigliere regionale di Forza Italia: “A questo punto, con parecchi malumori in sala da parte del numeroso pubblico presente, il sindaco con una decisione imprevedibile ed immotivata chiudeva il consiglio, disattivando anche l’impianto audio dei microfoni. Tutto questo nonostante le vivaci contestazioni dell’opposizione che lamentava, giustamente, di essere stata interrotta non avendo ancora concluso l’esposizione delle proprie argomentazioni. Tutto ciò con il contributo di un imbarazzato segretario comunale che non ha saputo gestire al meglio, per quanto sia di sua competenza, la situazione”.

“Si presume che sulla vicenda ci sarà, da parte della minoranza, una ulteriore richiesta di chiarimenti indirizzata agli uffici competenti. Tutto questo è avvenuto sotto i miei interessati e sbalorditi occhi”, conclude Marco Melgrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.