IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Balneari, sit-in di protesta per salvare le imprese pertinenziali: “Canoni spropositati” video

Liguria. Gli imprenditori balneari di tutta Italia si sono dati appuntamento domani a Roma, a partire dalle ore 11.00, davanti al Ministero dell’Economia e delle Finanze per un sit-in di protesta a favore degli imprese pertinenziali.

“Sono a rischio 250 imprese e 2.500 posti di lavoro – dichiara Riccardo Borgo, presidente del Sib – Sindacato Italiano Balneari aderente a Fipe/Confcommercio –. Con il sit-in vogliamo attirare l’attenzione del Governo e del Parlamento su questi stabilimenti balneari che hanno l’unico torto di non riuscire a pagare canoni demaniali spropositati, eccessivi e sbagliati e che rischiano la revoca delle concessione”.

La legge finanziaria nel 2007 ha modificato il calcolo del canone per le concessioni demaniali marittime, stabilendo che, nel caso delle pertinenze, (beni di difficile rimozione, regolarmente realizzati dal concessionario sul demanio marittimo, incamerati dallo Stato), il canone annuo da versare all’erario è fissato sulla base dei valori rilevati dall’OMI – Osservatorio Mobiliare Italiano, (con incrementi tra 300% e 1.500%) generando, in questo modo, importi insostenibili per le imprese che si sono viste recapitare richieste di pagamento per oltre 500.000 euro anche a causa degli arretrati.

“Bisogna intervenire quanto prima – conclude Borgo – perché già questa estate diverse decine di aziende balneari rischiano di non aprire, creando, tra l’altro, un gravissimo danno d’immagine alle località turistiche e insufficienti servizi di spiaggia. Occorre modificare rapidamente i criteri di determinazione dei canoni demaniali marittimi introdotti dalla legge 27 dicembre 2006, n. 296, così da renderli ragionevoli, equi e sostenibili. Ma da subito è necessario un provvedimento che sospenda il pagamento di questi canoni assurdi e che blocchi i provvedimenti di sospensione, revoca o decadenza delle concessioni derivanti – appunto – dal mancato pagamento del canone”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    Avete paura di non poter comprare appartamenti alla fine delle stagione, o di dover lavorare anche d’inverno ?

  2. Scritto da gianmarco

    BASTA PRIVILEGI!!!!E UNA VERGOGNA!!!BASTA ARRICCHIRSI SU UN BENE CHE E’ DI TUTTI!!!

  3. Scritto da gianmarco

    Concessioni all’asta subito e che tutti possano partecipare basta privilegi per l casta!!!!

  4. .
    Scritto da .

    E’ arrivata l’ora di pagare e dare indietro al popolo tutti i vantaggi ricevuti per decenni! ASTE SUBITO e la protesta a Roma sarà una vergogna.

    1. Scritto da gianmarco

      balneari non vi rendete conto che la gente vi odia…vi arricchite con un bene che DEVE essere di tutti. andate a c…… vogliamo le concessioni all’asta MA SUBITOOO!!!!