IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Balneari: nuovo incontro a Roma su Bolkestein e demanio marittimo

Regione Liguria, balneari e direttiva Bolkestein, dopo gli incontri con il direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi ed il sottosegretario All’Economia ed alle Finanze Pier Paolo Barretta, Gabriele Cascino, assessore della Regione Liguria, capofila del comparto e il coordinatore degli assessori regionali Giovanni Lolli, vicepresidente con delega al Turismo della Regione Abruzzo, hanno convocato i colleghi di tutte le regioni italiane a Roma, lunedì 16 marzo .

L’incontro avrà luogo alle ore 14:00, nella la sede della Regione Abruzzo.

Fra i temi sul tavolo un incontro con Anci, per assumere un comune orientamento sulla materia, in previsione dell’apertura del tavolo di lavoro con il Governo e l’avvio di un confronto con i rappresentanti delle Associazioni nazionali degli operatori balneari.

Per l’assessore Cascino l’incontro romano sarà “un’importante occasione di confronto tra tutte le Regioni, in vista del tavolo di discussione concordato con il Governo sul progetto di legge per il riassetto della normativa sul demanio marittimo”.

“Il nostro obbiettivo è quello di far convergere tutte le Regioni su una posizione univoca cercando poi di ottenere il medesimo risultato con Anci. Sarebbe importante che tutti gli enti locali arrivassero al confronto con il Governo con una posizione condivisa” ha detto l’assessore ligure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Cascino, le cose sono piuttosto semplici: i beni demaniali proprio in quanto tali non possono essere sfruttati dai singoli. Laddove una quota di essi la si assegni in concessione le assegnazioni non possono che essere esperite con evidenze pubbliche che rispettino i criteri di libero mercato, concorrenza, trasparenz ae c imparzialità. S epe ranni le concessioni sono transitat edi mano in mano tra privati ELUDENDO la LEGGE con compravendite delle cncessioni che non potevano avvenire, ELUDENDO le leggi di mercato e la normativa in materia…. se da decenni le assegnazioni (quell poche visto che se le tramandnao di padre in figlio)sono avvenute con metodi NON REGOLARI… CREDO CHE SIA GIUNTO IL MOMENTO DI METTERE LE COSE A POSTO , FACENDO PAGARE FINALMENTE CANONI A PREZZO DI MERCATO E ASSEGNANDO CON SISTEMI LECITI.
    OPPURE SI STA’ ESCOGITANDO IL SISTEMA PER PERPETUARE I METODI DISDICEVOLI FINO AD OGGI IN ATTO?