IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Aveva bloccato la mia compagna, allora l’ho colpito”: patteggia 5 mesi per il diverbio sul bus

L'episodio è accaduto alla fermata di via Piave ad Albenga: il 29enne era stato fermato perché viaggiava senza biglietto

Savona. E’ stato processato per direttissima questa mattina Biagio G., il ventinovenne di Stellanello arrestato ieri pomeriggio con l’accusa di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale per aver reagito contro due controllori della Tpl. L’uomo, che è stato rimesso in libertà con l’obbligo di firma per due volte al giorno, ha patteggiato cinque mesi di reclusione.

In aula l’imputato ha chiesto scusa per il suo comportamento, ma ha anche precisato il contesto nel quale è avvenuta la sua reazione: “Volevamo fare un giro ad Albenga con la mia compagna anche per andare a trovare mia mamma. Abbiamo preso il bus ad Andora, ma non avevamo i soldi per comprare il biglietto. Quando stavamo per scendere ad Albenga sono saliti i controllori e uno ha bloccato la mia compagna di forza. In quel momento quindi ho reagito per sfogo e per legittima difesa e gli ho tirato uno schiaffo”.

Il ventinovenne ha poi negato, come contestato invece dai carabinieri, di aver colpito anche il secondo controllore con una pietra, mentre cercava di allontanarsi nei vicoli poco distante da viale Liguria: “Sono io ad essere stato colpito con un calcio sulla gamba” ha detto l’imputato che ha anche precisato di non essere a conoscenza del fatto che i controllori fossero “pubblici ufficiali”.

Un aspetto che è stato sottolineato anche dal suo difensore che ha sostenuto non ci fossero quindi i presupposti per l’arresto. Una tesi che non è stata sposata dal giudice che ha convalidato il fermo per resistenza e lesioni.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, Biagio G. ha reagito quando i controllori volevano sanzionarlo per aver viaggiato sul bus senza biglietto. Una volta sceso dal mezzo avrebbe colpito con uno schiaffo il primo dipendente della Tpl e poi, dopo essersi allontanato nei vicoli, avrebbe tirato contro il secondo una pietra. A quel punto erano poi intervenuti un agente della polizia municipale e i carabinieri che lo avevano accompagnato in caserma dove poi era stato arrestato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.