IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

AstroSam vola sopra il cielo di Bergeggi

Tutti i "trucchi" per poter vedere questo spettacolo del cielo

Bergeggi. L’alba di Bergeggi è stata illuminata oggi dalla scia della Iss, la stazione spaziale con a bordo l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti. Una bella immagine immortalata da Ugo Ghione, da sempre appassionato di cielo e astronomia.

La Stazione Spaziale Internazionale Iss (International Space Station), considerato il satellite artificiale più grande, è tornata a volare sopra la nostra provincia. Un progetto quello della ISS nato dalla collaborazione fra cinque agenzie spaziali, la canadese (CSA), l’europea (ESA), la giapponese (JAXA – già NASDA), l’agenzia russa (RKA) e quella statunitense (NASA).

La “navicella spaziale” è grande come un campo da calcio (al contrario di altri satelliti che sono poco più grandi di un pallone da pallacanestro).

L’osservazione di un satellite luminoso come la ISS può essere fatta tranquillamente ad occhio nudo. Lo strumento più indicato per osservare, in generale, i satelliti artificiali è un binocolo a basso ingrandimento e a grande campo. La classica taglia 7×50 offre un campo elevato (superiore ai 5°) e raccoglie abbastanza luce per osservare satelliti anche di debole luminosità.

Il telescopio, per via del piccolo campo inquadrato e della grande velocità del satellite, è uno strumento di solito poco adatto, anche se ci sono astrofili che con telescopi guidati a mano o dal computer eseguono foto e filmati in cui si vede la forma del satellite.

La ISS, essendo così grande e relativamente vicina, con ingrandimenti modesti (20x) consente di apprezzarne le dimensioni, si vede cioè che non ha un aspetto puntiforme. Per chi vuole tentare questa esperienza, l’Apprendista Astrofilo consiglia di scegliere un transito non troppo oltre il tramonto. Il cielo ancora chiaro, infatti, diminuisce il contrasto dell’immagine, e l’immagine binoculare o telescopica della luminosa ISS produce meno raggi e baffi di luce (“spara di meno”, in gergo).

Date le condizioni di osservazione occorre un supporto per muovere velocemente lo strumento e la messa a fuoco va effettuata in anticipo, in modo da non perdere tempo e concentrarsi sull’inseguimento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Lele
    Scritto da Lele

    Questa foto è falsa , frutto do fotoshop. E’ impossibile che la stazione ISS , possa fare quest’effetto. Queste sono le ore in cui è possibile vedere passare su Savona , la stazione orbitante
    http://www.heavens-above.com/PassSummary.aspx?satid=25544&lat=44.283&lng=8.500&loc=Savona&alt=0&tz=CET

    1. Giò Barbera
      Scritto da Giò Barbera

      Caro Lele non credo che sia falsa. Ugo Ghione é un professionista e non credo che, proprio per l’amore per il suo mestiere, possa arrivare a tanto. Saluti

      1. Scritto da Lele956

        Alle 05.00 , non è ancora l’alba .Io ieri mattina l’ho vista , ma non come descritta nella foto , sembrava un semplice aereo , più luminoso