IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Area T1 di Ceriale, pesante situazione di degrado. Anpana: “Intervenire per evitare rischi sanitari” foto

Chiesto l'intervento delle autorità competenti per salvaguardare i cittadini della zona

Più informazioni su

Ceriale. Topi, insetti e totale degrado nell’area T1 di Ceriale, lungo la via Aurelia, interessata da un procedimento giudiziario ancora in corso per lottizzazione abusiva. La denuncia arriva dall’associazione Anpana: “Purtroppo si continuano a fare errori di gestione del territorio, e a nostro parere la zona T1 ne è un esempio. Ora che i cantieri sono bloccati da tempo, l’area abbandonata sta creando grossi problemi. Uno è sicuramente l’impatto visivo. Non crediamo che ai turisti faccia piacere vedere costruzioni interrotte e ormai degradate dalle intemperie”.

“Ma esistono problemi peggiori di quelli estetici. Nel cantiere ci sono scavi per autorimesse e altre vaste fosse, con acqua stagnante. Si sono create delle “piccole paludi”, che attirano insetti di ogni tipo, ma anche branchi di topi. Essi  invadono poi le abitazioni vicine, che pare soffrano pure di infiltrazioni d’acqua provenienti da questi acquitrini. Si è dunque creata una situazione di danno per gli immobili vicini alla zona T1, e di rischio sotto l’aspetto sanitario”.

“I cittadini, esasperati,  si sono rivolti anche alle Guardie Ecozoofile Anpana, che con immediato sopralluogo hanno effettivamente constatato questa situazione di abbandono. Anpana ha denunciato il problema al Comune di Ceriale, alla Provincia di Savona (settori Edilizia e Ambiente) , all’Asl 2 savonese e alle autorità sanitarie”.

“Comprendiamo la difficoltà di intervenire su aree coinvolte in un processo, ma neppure si può pensare di abbandonare a loro stessi i cittadini che hanno la sola “colpa” di risiedere vicino alla zona T1. Chiediamo una serie di interventi urgenti, che quanto meno minimizzino i disagi e consentano di prevenire rischi per la popolazione” conclude l’associazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sky72

    giusto così…..cosa credete questo è quello che ci aspetta in futuro e è giusto che ci abituiamo a queste condizioni di vita…….sicuramente quei parassiti che arrivano con il barcone si sentiranno come a casa loro…….povera liguria e povera italia

  2. Scritto da protestaligure

    Non sarebbe meglio vendere nello stato attuale magari un alloggio a 50 mila euro che aspettare che siano invendibili ..