IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, zone ex ospedale terra di spaccio e risse: S.O.S. di un lettore, “è diventata invivibile”

In un video l'ennesima colluttazione nella notte. E i Carabinieri combattono ogni giorno, ma troppo spesso il sistema giudiziario vanifica i loro sforzi

“Albenga è diventata invivibile”. Questo il grido d’allarme lanciato da un residente, che ha deciso di documentare con foto e video la difficile situazione di piazza Trincheri, nella zona dell’ex ospedale.

spaccio albenga

Spaccio, risse, danni alle auto in sosta: il Lungocenta è, ormai da tempo, la zona preferita da un certo tipo di extracomunitari che, da quelle parti, “lavora” e passa il tempo. Tra un cliente a cui vendere droga e quello successivo, a volte ci scappa anche la discussione con qualche connazionale: e chi ne fa le spese sono i residenti.

Nelle immagini riprese nei giorni scorsi dal lettore, si intravede nel buio l’ennesima colluttazione tra alcune persone. Impossibile per chi vive in zona conoscere le ragioni delle varie discussioni, a meno di non comprendere la loro lingua: ma che si tratti di temi importanti, di cose futili quanto le nostre diatribe calcistiche, o di discussioni legate all’aspetto “lavorativo” (come la suddivisione delle zone di spaccio), l’esito è sempre lo stesso, notte in bianco e preoccupazione che cresce.

Perché da quelle parti ci vivono famiglie “sane”, italiane e straniere, in abitazioni regolari e con occupazioni oneste. Persone che hanno figli costretti a vedere certe scene ogni giorno; persone che hanno risparmiato per comprare l’auto, quell’auto che ora non si fidano più a parcheggiare lì.

I Carabinieri sono ammirevoli, lottano ogni giorno contro un fenomeno che, spesso, pare più grande di loro: gli arresti sono praticamente quotidiani, ed altrettanto quotidiane le scarcerazioni nel pomeriggio. I militari, dimostrando grande professionalità e attaccamento al servizio, insistono e continuano imperterriti a pattugliare le vie ogni giorno, catturare spacciatori e mandarli davanti al giudice: troppo spesso però è capitato di dover acciuffare lo stesso marocchino per tre volte in un mese prima di vedergli finalmente fare qualche giorno in cella.

Loro, i carabinieri, non mollano (e per averne conferma basta leggere l’elenco degli articoli qua sotto, riferiti agli ultimi 5 mesi); ma i residenti potrebbero farlo presto, partendo verso “altri lidi” e lasciando la zona ell’ex ospedale definitivamente in mano alla malavita.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andrea di sopra

    @svullo perchè non ci metti anora un paio di banalità e luoghi comuni, magari scrivi che la forestale coltiva l’orto dietro la caserma o che la finanza fa la spesa gratis.
    Hai una minima idea di quanto personale delle FF.PP. ci sia rimasto sulle strade a spaccarsi il culo? meno della metà di 15 anni fa e l’età media è salita da 37 a 44 anni.
    Non prendertela con la Polizia, prenditela con quelli che hanno fatto i tagli al comparto sicurezza/difesa o quelli che quando vedono un extracomunitario picchiato prendono il telefono ma non per chiamre il 112, ma per fare una foto o un video e la mandano al giornale: in parte è giusto quando parli delle tasse che paghi, ma le tasse le pagano anche quei poliziotti, carabinieri e vigili che rischiano la vita ogni giorno per 1300 euro al mese.

  2. Scritto da sky72

    famiglie sane straniere una su 100000…..questa è la realtà…..

  3. Scritto da sky72

    e se ne accorgono solo ora? e certamente non è colpa degli Italiani ma di tutti quei parassiti che i comunisti ci vogliono spacciare come profughi quando in realtà sono solo delinquenti……cosa pretendete che facciano quelle zecche,le stesse cose che fanno a casa loro e cioè un cazzo dalla mattina alla sera…….questa non è accoglienza questo è metterci in casa la sporcizia e le malattie

  4. Scritto da svullo

    Ma le cosiddette “forze dell’ordine” cosa fanno? La polizia stradale a fare solo multe, quella ferroviaria a farsi i giri in treno, i carabinieri a schedare le prostitute ed i vigili urbani a controllare la scadenza dei prcheggi a pagamento, vergognatevi tutti, noi paghiamo le tasse profumatamente e quelli che in teoria ci dovrebbero proteggere non fanno un piffero !!!!!