IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, ruba una bici davanti ai carabinieri in borghese: arrestato

In manette un 35enne che ha tentato di rubare una bici in viale Pontelungo: per sua sfortuna sul posto c'erano i militari impegnati nell'operazione New Age

Più informazioni su

Albenga. Ha deciso di rubare una bella bicicletta, del valore di circa 300 euro, legata a un palo di viale Pontelungo: peccato per lui che sul posto, per un’altra operazione, fossero presenti dei carabinieri in borghese che hanno assistito all’intera scena. E che inevitabilmente lo hanno arrestato.

A finire in manette ieri pomeriggio alle 15.30 C.H., marocchino di 35 anni senza fissa dimora, clandestino e con precedenti (è già conosciuto alle forze dell’ordine per una serie di furti, gli ultimi all’Oviesse). Questa volta l’uomo aveva gettato l’occhio su una bici di proprietà di una signora di 56 anni, che era andata a trovare un maresciallo dei carabinieri in pensione ed aveva parcheggiato il mezzo in viale Pontelungo: il marocchino si è avvicinato alla bicicletta, ha rotto il lucchetto della catena ed è partito a bordo della due ruote.

Per sua sfortuna in quel punto stazionavano, per tutt’altra ragione (era in via di conclusione l’operazione New Age), alcuni carabinieri in borghese, che non solo hanno assistito ad insaputa dell’uomo all’intera scena, ma hanno addirittura provveduto a filmare in diretta il furto.

La “fuga” dell’improvvisato ciclista è quindi terminata sul nascere: dopo una decina di metri l’uomo si è trovato davanti una gazzella, allertata dai colleghi, e sono scattate le manette. Il marocchino è stato quindi portato in camera di sicurezza, in attesa del processo per direttissima che si è celebrato questa mattina. La bicicletta è stata invece restituita alla proprietaria.

In tribunale il nordafricano ha patteggiato otto mesi di reclusione e 200 euro di multa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andrea di sopra

    il problema non è la presenza di vigili o Carabineiri, il problema è che va cambiata definitivamente la legge sull’immigrazione ma soprattutto il codice penale e l’ordinamento giudiziario:
    1) straniero irregolare sul territorio italiano? ESPULSIONE;
    2) straniero regolare che commette reato? ESPULSIONE;
    3) rientri dopo l’espulsione: ARRESTO e nuova espulsione ma la condanna deve essere fatta scontare nel paese di origine;
    4) straniero carcerato regolare con famiglia in Italia? niente più parassiti: facciamogli pulire dei boschi o delle cunette, così si guadagnano quello che mangiano.
    Naturalmente questo utlimo punto vale anche per gli italiani in carcere; non vanno fatte distinzioni di razza o altre categorie (albanese, rumeno, marocchino, italiano, cattolico, musulmano, gay, trans, ecc.) ma semplicemnte per comportamento: sei onesto? benvenuto; sei delinquente? ti faccio passare la volgia di esserlo.

  2. Scritto da hadrianus

    Tutto regolare madama la marchesa ! Dove sono i vigili di quartiere dei quali si era tanto parlato ?

  3. Bandito
    Scritto da Bandito

    Tanto è clandestino, con precedenti e senza fissa dimora, non gli daranno nemmeno gli arresti domiciliari ma al massimo l’obbligo di firma, poche ore e sarà già in sella ad una bella bicicletta fiammante…..naturalmente non sua.