IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spese pazze, Idv: “Stop ai vitalizi anche in caso di patteggiamento”

Più informazioni su

Liguria. “Sul fronte vitalizi ed inchieste giudiziarie, i liguri meritano assoluta chiarezza. Secondo noi il patteggiamento dovrebbe prevedere la perdita dei privilegi che spettano ai politici ed ai ruoli istituzionali, a cominciare proprio dal vitalizio”. Sono le dichiarazioni rilasciate oggi dal segretario regionale dell’Idv, Paolo Carbonaro.

“I tempi e i sacrifici dei cittadini impongono che si tagli anche e soprattutto su questo. La legge attuale, che di fatto recepisce la cancellazione del vitalizio per coloro i quali commettono delitti contro la P.A. non contempla il caso del patteggiano della pena”.

“La nuova Italia dei Valori, alfiere di legalità, che dice no al malaffare, no alla corruzione – conclude Carbonaro – mette a disposizione di tutti i gruppi regionali presenti in Consiglio Regionale di sottoscrivere e presentare questo disegno di Legge Regionale sfidando le forze politiche a fare i fatti e non parole. Saremo pronti a raccogliere le firme in tutte le piazze della Liguria se nessuno vorrà discutere del nostro progetto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Attaccare quelli che si amano definire “diritti acquisiti” è tempo perso … solo con una rivoluzione si riesce ad eliminare la piaga dei diritti acquisiti e privi delle relative contribuzioni.

    Meglio operare in modo indiretto pagando le cifre superiori ad un tot (diciamo diecimila euro netti mensili) a quanti non hanno versato le contribuzioni atte a generare questa rendita (sono per intenderci 624 euro circa per ogni 2,5 euro mensili di pensione)
    con …. debito pubblico ..

    Questa strada è certamente lecita visto che è già stata applicata negli anni 70 quando la “contingenza” venne bloccata per cinque anni con titoli di stato non negoziabili.