IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, 24 riduttori di pressione e 5 contatori rubati in alloggi popolari: 24 famiglie senz’acqua

Albenga. 24 riduttori di pressione e 5 contatori dell’acqua, oltre ad una ventina di ferritoie in acciaio, rubati al Rusineo, nelle case popolari di proprietà Arte ad Albenga. “Trovo vergognoso un furto del genere dall’area “contatori” del garage condominiale. Dei morti di fame, solo così si possono chiamare, hanno lasciato senza acqua 24 famiglie residenti che, ci auguriamo, presto possano tornare ad avere il servizio di fornitura dell’utenza” afferma il consigliere comunale di Forza Italia Eraldo Ciangherotti.

“Già un alloggio era stato reso inabitabile da un ex occupante abusivo che, obbligato ad andarsene, aveva devastato l’alloggio fino a portarsi via pure i fili dell’impianto elettrico, oltre alle porte e agli interruttori e prese. Ho sollecitato Arte per darsi da fare a ripristinare l’erogazione dell’acqua, in modo tale che le famiglie non restino per diversi giorni isolate” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. nervoso
    Scritto da nervoso

    Nel paese dell’impunita dei condoni e quant’altro ormai siamo abituati a tutto..Nessuno ha mai assistito a furti del genere..pazzesco e poi…..qualora i malviventi venissero mai presi la nostra solerte giustizia li metterebbe subito fuori.

  2. Scritto da cipinox

    In gabbia ci deve stare il ladro e i devastatori,altrochè.

  3. Scritto da hadrianus

    Attorno a questi impianti basterebbe una semplice gabbia di protezione ed ecco che ” i morti di fame ” avrebbero vita più difficile.
    Ma l’istituto ” non può spendere ” !