IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, verrà discussa martedì la mozione di Melgrati a difesa del Santa Corona foto

Pietra Ligure. Martedì prossimo, 27 gennaio, verrà discussa in Regione la mozione del capogruppo di Forza Italia Marco Melgrati, sulla “tutela del DEA di II Livello del Santa Corona e sull’assetto ospedaliero del ponente ligure”. Così è stato deciso durante l’ultimo Ufficio di Presidenza Integrato del Consiglio regionale, ed a darne notizia è lo stesso promotore dell’iniziativa Marco Melgrati che spiega: “Con il documento si impegna la Giunta regionale ad approvare un O.d.G. dei lavori del Consiglio Regionale che espliciti un formale atto di impegno e di conferma dell’attuale stato di consistenza della rete ospedaliera savonese e delle emergenze, che ha il riferimento nell’HUB-DEA di 2° LIVELLO del ponente a Pietra Ligure e gli ospedali territoriali /SPOKE esistenti”.

Oltre a ciò, il documento impegna la giunta anche “a predisporre una richiesta di deroga alla normativa di cui decreto del Governo che prevede per un DEA di II livello un bacino di popolazione compreso tra 600.000 e 1.200.000 persone; a sollecitare con un’azione atta alla realizzazione del nuovo monoblocco del Presidio Ospedaliero DEA di Pietra Ligure e al completamento del ripristino del corredo specialistico funzionale al DEA di 2° livello, reintegrando la funzionalità richiesta secondo i requisiti dalla normativa vigente e secondo gli standard e parametri di riferimento, non omettendo di considerare la normativa di recente emanazione del citato decreto della definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera; a verificare, procedendo al ricalcolo, ai sensi della normativa contenuta dalla normativa nazionale, e rispettando l’impegno temporale del 31.12, se la soppressione dei posti letto attuata nel 2012 dai Direttori Generali è conforme alla normativa istituita e alla formula contenuta nel decreto datato 05 agosto 2014”.

“Se il calcolo dimostrasse l’eccessivo taglio di posti letto, provvedere al ripristino” è la richiesta di Melgrati, che nel documento invita la giunta anche ad impegnarsi “a fare in modo che il protocollo di intesa in itinere, teso a regolamentare la realizzazione della riqualificazione strutturale del DEA di Pietra Ligure, venga al più presto definito sotto l’egida e con la partecipazione attiva della Commissione Regionale Sanità, in quanto competente per quanto attiene alla specificità del DEA facente parte con il ruolo di HUB della Rete delle Emergenze regionale”.

“In sintesi – continua il capogruppo di Forza Italia – si chiede che la rete ospedaliera savonese mantenga gli assetti attuali e sia potenziata per quanto concerne i progetti che da anni sono fermi al palo e sono necessari in funzione della condizione socio-sanitaria del territorio e delle risposte che devono essere garantire. Infatti la rete ospedaliera della provincia di Savona è organizzata su quattro presidi ospedalieri, posti nei centri di concentrazione demografica del territorio, che è bene dire sono soggetti a massicci flussi turistici estivi i quali triplicano quantomeno il dato demografico relativo di presenze, rappresentati dai quattro ambiti territoriali 1 “Albenganese” 2 “Finalese” 3 Savona 4 Valbormida, nei quali la rete ospedaliera della provincia si articola nei seguenti nosocomi: l’ospedale di riferimento/DEA-HUB di 2° Livello di Pietra Ligure il quale con l’annesso ospedale territoriale di Albenga “S. Maria di Misericordia” realizzano un unico Presidio Ospedaliero del Ponente, l’ospedale di SPOKE di 1° livello di Savona e l’ospedale territoriale di Cairo Montenotte”.

“La conformazione territoriale della Liguria, sotto il profilo morfologico e orografico nonché viario, rende difficoltosa sia l’organizzazione dei presidi ospedalieri sul territorio, a causa delle distanze chilometriche, che la condivisione ospedaliera in una logica interregionale con le regioni confinanti, quindi giustificando e confermando l’attuale assetto ospedaliero ligure”, conclude Melgrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.