IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primarie, i Garanti: “interferenze del centrodestra” e non solo. Le motivazioni dell’annullamento

Più informazioni su

Liguria. Nel verbale dei Garanti per le primarie del centrosinistra sono elencate la ragioni che hanno portato all’annullamento del voto in 13 dei 29 seggi. “L’interferenza” di persone del centrodestra è uno dei motivi, ma non l’unico. I garanti spiegano anche di non ritenere che il voto di stranieri costituisca di per sé un illecito e questa è l’argomentazione usata ad esempio per decidere di non annullare il voto a Savona al seggio Oltreletimbro/Santa Rita.

Nel seggio di Lavagna è stato annullato il voto in seguito a “gravi segnalazioni di due elettrici, e in particolare di una, che parla di euro versati a lei prime dell’ingresso al seggio ai fini del voto”. Nel seggio di Santo Stefano al Mare i garanti hanno annullano il voto perché “viene lamentata, attraverso una specifica dichiarazione di una scrutatrice, la presenza di un assessore comunale di Pompeiana, che chiedeva ripetutamente l’elenco dei votanti per verificare che tutte le persone da lui mandate a votare lo avessero fatto aggiungendo che in caso contrario avrebbe dovuto ‘saldare i conti e non voleva essere preso in giro’”.

Nel seggio di Moconesi il voto è stato annullato sulla segnalazione messa a verbale di “un pressante controllo del voto e l’interferenza di persone estranee al seggio appartenenti a liste contrapposte al centrosinistra”, che sono rimaste a “minacciare e ad intralciare la libera espressione del voto”.

Ad Albenga, seggio contestato da subito dai cofferatiani per l’anomala affluenza alle urne, “non risultano allo stato elementi sufficienti per procedere all’annullamento”, affermano i garanti che rinviano agli “accertamenti in corso da parte dell’autorità giudiziaria”. Annullato anche il voto nel seggio dove è stata scattata la foto all’interno della cabina a Spezia centro e la presenza di un interprete che “spiegava ai soggetti non italiani quello che dovevano fare e provvedeva per loro a versare i due euro dovuti”.

Per quanto riguarda gli altri seggi genovesi in cui erano state segnalate presunte irregolarità, il Collegio ha deciso il non luogo a provvedere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.